hommes

#talkingwith Johnny Depp

by Paulijn van der Pot, Netherlands
11.05.2018
Dal 2015 l'attore e rockerman Johnny Depp è il testimonial perfetto di Dior Sauvage

L'esclusiva intervista a Johnny Depp, un uomo eccentrico ma affascinante che fa esattamente ciò che vuole.

La campagna Dior Sauvage è un successo mondiale. Ti fa piacere esserne il testimonial?
Ho solo esperienze positive con le campagne Dior. Nonostante ciò è sempre strano guidare per le strade e improvvisamente scoprire un'enorme immagine di me stesso (ride). Un po' è divertente. Sono molto contento che mi sia stato chiesto di farlo, nessuno mi aveva mai proposto nulla di simile prima d'ora.

 

Com'è stata la tua esperienza con il celebre fotograto Jean-Baptiste Mondino ?
Se Jean-Baptiste ti guarda, è come se ti dissezionasse. Scarta gli strati della tua personalità finché non arriva all'essenza e trova un lato di te che trova interessante. Ha individuato il mio lato solitario, quello che vedi anche nei lupi. Un lupo è una figura solitaria, non mi troverai mai in mezzo a una folla, lo ammetto. Mi piace stare in disparte e restare nell'oscurità. Jean-Baptiste Mondino ha splendidamente tradotto tutto ciò in immagini. Sono molto timido. È interessante, perché quando interpreto un ruolo non conosco ostacoli. Eccetto qualunque sfida di fronte alla telecamera. 

Qual è la tua definizione di virilità?
Un vero uomo è un uomo di parola. Qualcuno che è sincero e leale. Un uomo che combatte contro l'ingiustizia, che si tratti di piccole cose di tutti i giorni o su scala più ampia. Un vero uomo difende ciò che contata davvero per lui, ed è affidabile.

Quale ruolo ti piacerebbe interpretare? Un personaggio storico o moderno? E c'è qualcuno che ti ispira in particolare?
Ci sono così tante persone che mi ispirano: persone reali, ma anche personaggi dei libri. A volte puoi amare davvero tanto un personaggio di fantastia, prendi ad esempio Holden Caulfield nel "Il giovane Holden". Ma non dovresti mai fare una versione cinematografica di quel libro. Voglio dire, Holden Caulfield deve solo assomigliare a quello creato da JD Salinger e che vive nelle menti dei lettori. E quindi al posto di queste figure fantastiche, scelgo ad esempio Picasso.On The Road di Kerouac è stata la mia Bibbia quando ero giovane, e per molti aspetti lo è ancora. Quel libro mi ha davvero aiutato a crescere.

Ci sono icone di Hollywood che ti hanno ispirato nella la tua carriera?
Mi hanno sempre ispirato le persone comuni. Individui veri, nessun comico, showman, attore o cantante. Persone come Charlie Callas o Don Rickles e Foster Brooks, ma anche Dean Martin, Marlon Brando e Yul Brynner. Ognuno di loro è totalmente unico e non ha cercato di essere qualcun altro e ognuno ha percorso la propria strada. Ho l'impressione che la generazione attuale e le future generazioni non siano sensibili a questa autenticità. Oggi tutti vogliono essere famosi a qualunque prezzo. Ma perché? Non saprei e a dir la verità non mi importa neanche. La fama non è mai stata importante per me.

Come scegli i tuoi ruoli?
Dipende. Quando leggo una sceneggiatura, so, spesso dopo dieci pagine (e talvolta dopo tre o quattro), se sono la persona giusta oppure no. Scelgo un ruolo sole se penso di poter aggiungere qualcosa alla storia in termini di prestazioni o interpretazione dei personaggi, non qualcosa che è stato fatto milioni di volte.

Vieni spesso definito"cool".
Tante cose diverse possono essere fantastiche. Penso che le persone che riescono ad essere se stesse siano belle. Patti Smith è cool, lei è pura. Iggy Pop è cool e puro. Jim Morrison, Marlon Brando e Hunter S. Thompson lo stesso. Oggi ho incontrato qualcuno che lavora come consulente in una casa per orfani con HIV. Trovo incredibilmente coraggioso riuscire a mettere se stessi in qualcosa che ti interessa. Collaboro spesso con la fondazione Make-A-Wish, quindi sono spesso a contatto con bambini che devono affrontare malattie e dolori, nei loro occhi non vedo paura, ma coraggio, tanto coraggio... e mi lascia senza parole. Mi definiscono freddo? Non penso che questa parola mi si addica. Forse la gente lo pensa perché sono un tipo piuttosto silenzioso. 

Quanto è importante la musica nella tua vita?
La musica è tutto per me, anche nel mio lavoro di attore. Mi avvicino alla recitazione allo stesso modo in cui si fa musica. Studi, impari, ascolti. Ho imparato a suonare la chitarra ascoltando dischi. Ecco perché ho un orecchio allenato e ho sviluppato una certa sensibilità per i toni diversi nelle voci delle persone, come il timbro e accento. La musica aiuta anche a recitare perchè riesce a generare emozioni e sentimenti. Alcune canzoni possono riportarti immediatamente in un determinato luogo o evento. 

Non ho niente a che fare con l'essere famoso

Normalmente un'eau de parfum è semplicemente una versione più forte di un'eau de toilette. François Demachy, il naso creatore di Dior, tuttavia, ha creato una composizione completamente nuova. Sauvage Eau de Parfum ha un equilibrio diverso, con maggiore profondità e sfumature extra. Cosa ne pensi di questa fragranza?
È una svolta nella tradizione di Sauvage: è più orientale, con toni più legnosi. È più primitivo. L'odore evoca in me l'immagine di un alchimista zelante, che dopo anni di lavoro su una creazione si è finalmente liberato dal suo mortaio e pestello, perché ha creato un capolavoro. Sono impressionato dal viaggio scientifico e dall'arte che costituisce la base di questo profumo. Chapeau.

Condividi articolo

Articoli correlati

Articoli consigliati