Food

I 5 gelati da non perdere a Milano

by Penelope Vaglini
20.06.2017
Le ferie sono ancora un miraggio? L’unico rimedio per resistere alle temperature tropicali di questi giorni è quello di gustare i gelati artigianali più buoni di Milano.
Lo Gnomo Gelato, via Cherubini 3

Se ne parla poco, ma il gelato dello Gnomo è tra i più interessanti da provare a Milano. L’alta qualità delle materie prime utilizzate per la produzione artigianale, emerge attraverso il sapore naturale delle creme e dei gusti speciali. Il latte italiano della Fattoria Maccazzola di Settimo Milanese e le nocciole IGP piemontesi della provincia di Cuneo, sono solo alcuni degli ingredienti utilizzati come base per le preparazioni. I cremosi al sapore di cioccolato sono numerosi e particolari, dal classico fondente 85% al bianco con caramello salato, fino al fondente speziato, prodotti con differenti blend di cacao Valrhona. Tutti i gusti a base di frutta invece, possono essere definiti dei veri e propri sorbetti, ottenuti senza utilizzo di lattosio. Tra gli speciali, è assolutamente da provare il Cheesecake, con cream cheese e confettura di frutta, mentre per resistere alle giornate più torride, sono consigliati i ghiaccioli super rinfrescanti.

Alberto Marchetti, viale Montenero 73

La storia di Alberto Marchetti, che fin da piccolo si intrufolava nel laboratorio del padre per assaggiare di nascosto il fior di latte, parla di eccellenza, contando oggi su cinque punti vendita tra Torino, Alassio e Milano. All’ombra degli alberi di viale Montenero, si trova la piccola gelateria con laboratorio rigorosamente a vista, dove i gusti semplici proposti da Marchetti vengono realizzati con pochi ingredienti, provenienti da presidi Slow Food. La preparazione artigianale parte proprio da latte, panna e zucchero, ai quali vengono aggiunti frutta o altre materie prime per creare una miscela. Dopo la fase di pastorizzazione, il preparato viene fatto riposare alcune ore e poi mantecato prima di essere servito sul momento ai clienti. Questo procedimento dona una cremosità unica e permette di mantenere inalterata la vera essenza degli ingredienti che stanno alla base di ogni singolo gusto. Da provare il Fiordilatte, ricordo d’infanzia di Marchetti, creato con latte e panna della Cascina Fontanacervo oppure il Cioccolato bianco al caramello e sale, con fior di sale italiano.

Peck, via Spadari 9

Il fior di latte è protagonista anche da Peck, con una variante lanciata per la stagione 2017. Il Fior di latte di bufala, realizzato con latte di bufala di Mondragone mantecato con panna e zucchero semolato, all’assaggio risulta estremamente cremoso, con un gusto intenso e persistente. La seconda novità è invece quella della Stracciatella di Mandorla, Cioccolato bianco e Limone Candito, abbinamento interessante di cioccolato bianco ivoire, mandorla siracusana della Val di Noto e canditi di limone provenienti dalla costiera Amalfitana. Realizzato artigianalmente nei laboratori della bottega di via Spadari, il gelato si conferma un ulteriore prodotto di eccellenza di Peck, assolutamente da provare mentre si passeggia per le vie del centro di Milano. Vivamente consigliati anche Pesca bianca e Marroni!

Tosa 1848, Piazza Cinque Giornate 7

Nonostante il suo nome derivi dall’antica denominazione della storica Piazza Cinque Giornate, dove la gelateria è stata aperta da pochi mesi, sono le specialità siciliane a essere al centro del concept di questo nuovo locale. All’interno delle doppie carapine del grande bancone, il gelato viene servito in versione classica oppure gluten-free, mentre è possibile scegliere anche alcune proposte vegane realizzate con olio di oliva, come il gianduja e i classici alla frutta. Le granite possono essere gustate accompagnandole a una golosa brioscia ripiena, proveniente dalla provincia di Catania — Aci Platani — e farcita sul momento in base alle esigenze del cliente. Per provare una vera colazione alla siciliana, sono consigliati granita al caffè con panna e brioscia ripiena di gelato al Mango e Zabaione d’autore, completata con una granella a scelta.

Gelato Giusto, via San Gregorio 17

Vittoria Bortolazzo, curriculum stellare nel mondo della pasticceria e della lavorazione del cioccolato, dopo essere passata da Parigi a Londra, ha aperto la sua gelateria a due passi da Corso Buenos Aires. Qui mette in pratica ogni giorno le sue conoscenze, per creare gusti inediti e abbinamenti particolari, non solo dolci ma anche a base di ingredienti come Parmigiano o Carciofo e limone. In linea con la visione sana di Vittoria, al Gelato Giusto non si esagera con zuccheri e grassi, preferendo la via della leggerezza. Sempre disponibili i gelati senza lattosio, i sorbetti e le proposte vegane, mentre i gusti rispettano la stagionalità, seguendo il più possibile la filosofia del km zero.

Condividi articolo

Articoli correlati

Articoli consigliati