Chi era William Moulton Marston, il creatore di Wonder Woman? - L'Officiel
Pop culture

Chi era William Moulton Marston, il creatore di Wonder Woman?

Dietro l'eroina con il magico lazo rappresentata sul grande schermo da Gal Gadot, vi è un laureato di Harvard, uno psicologo, un femminista e convinto bigamo. Il film "My Wonder Women", di Angela Robinson, ripercorre la sua singolare carriera.
Reading time 6 minutes

Quando arrivò ad Harvard nei primi anni del 1910, William Moulton Marston (nato nel 1893) aveva un sogno: realizzare un film. Iconoclasta e gran lavoratore - conseguirà la laurea in giurisprudenza, legge e psicologia - aveva una grande passione anche per la scrittura. Scrisse la sceneggiatura del cortometraggio muto - Jack Kennard, Coward (1915) -  che va in onda ogni anno negli Stati Uniti. Marston, che ha più di una freccia al suo arco, ha assistito a una scena che, da un punto di vista intellettuale e politico, lo ha segnato profondamente. Nell'autunno del 1911, la britannica Emmeline Pankhurst, una figura di spicco nel movimento delle suffragette, invitata dall'Associazione degli uomini di Harvard a votare per le donne, fu respinta dal consiglio di amministrazione. Nonostante ciò riuscì ad indurre una comizio alle porte dell'università. La frizzante Pankhurst sconvolse il futuro creatore di Wonder Woman. Nel 1943, spiegò a American Scholar che "anche le ragazze non vorranno essere ragazze finché i nostri archetipi femminili non avranno forza, forza e potere". Nel 1915, William Moulton Marston sposò Elizabeth Holloway, una brillante studentessa in psicologia alla Boston University. Sei anni dopo, ha conseguito il dottorato, la cui tesi era focalizzata sul test sistolico; tutto ciò lo rende, nell'inconscio collettivo americano, il "padre" della macchina della verità. 

Un papà, due mamme

Seguendo un'oscura storia di frodi che non saranno mai risolte giunge alla Tufts University, nel Massachusetts. Qui incontra uno dei suoi studenti, Olive Byrne, nipote della femminista americana Margaret Sanger, autrice del celebre "Woman and the New Race", sul potere delle donne. Una sera, la giovane donna gli fece scoprire le "usanze" della sua confraternita: giovani ragazze disposte in fila al buio, con gli occhi bendati, prima di essere sottoposte, con i bastoni, ai "capricci" dei loro anziani. Lo psicologo quindi osserva i partecipanti di questi giochi tutt'altro che innocenti. L' inclinazione alla sottomissione non lascerà mai la sua mente, arrivando perfino a trovare un'eco nella sua "creatura". Come un Superman con la kryptonite, la sua Wonder Woman perde i suoi poteri solo in un'occasione: quando un uomo riesce a incatenarla. Olive Byrne ha 22 anni quando si unisce famiglia già formata da William ed Elizabeth e dai loro due figli per vivere una relazione bigama e polisessuale come professa il padrone di casa che si definisce un papà con le due mamme. Lui ed Olive avranno anche due figli. 

Cavie bionde e castane

La parte più divertente è che Olive troverà lavoro come scrittrice in una rivista per madri, Family Circle,  in cui dava consigli per mantenere solide le loro famiglie secondo le convenzioni del tempo. A metà degli anni '20, Marston militava presso la Columbia University come docente senior. L'esperimento condotto a New York, davanti alla stampa, per misurare la differenza nel livello di eccitazione tra bionde e brune - sei donne ammanettate - davanti al film La Flesh and the Devil, con Greta Garbo, gli fa perdere questa carica. Trovò un lavoro da psicologo per gli Universal Studios a Los Angeles, poi divenne co-autore, nel 1929, del libro The Art of Sound Pictures, l'arte  di creare un film evitando accuratamente la censura in America. Lo stesso anno, ha fondato la Equitable Pictures, una casa di produzione di "pro-donne".

Contrastare le leghe della virtù

"Le grandi qualità delle donne sono state offuscate dalla loro debolezza. La cura logica è quella di creare un personaggio femminile con tutta la forza di Superman ed in più l'aspetto di una donna bellissima e premurosa. Incuriosito da un articolo che Marston ha firmato in Family Circle, Max Gaines, creatore del fumetto ed editore, lo invita a riflettere su come ideare modelli positivi per il genere femminile. William Mouton Marston farà molto meglio: crea un'amazzone a prova di proiettile che vola su un aereo invisibile, per offrire uno spunto femminista all'avanguardia. Originariamente, l'insegnante immaginava un supereroe che agiva in nome dell'amore e non per vendetta o sopravvivenza. "Allora, deve essere una donna!" sussurrò Elizabeth.

Amazzonia globale e solare

Così nasce Suprema, la super donna, che, con giudizio, sarà ribattezzata Wonder Woman dal leader editoriale di All Star Comics (casa che pubblica già Green Lantern e The Flash). "Inoltre, le ragazze inizieranno ad acquistare fumetti!" Conclude Marston, un visionario. La prima avventura apparve nel dicembre 1941. Un comunicato stampa annunciava che "Wonder Woman è stata progettata dal Dr. Marston [...] per combattere l'idea che le donne siano inferiori agli uomini e ispirare le giovani donne. Un anno dopo, nell'estate del 1942, Wonder Woman ottiene il suo titolo e diventa la prima super-eroina della storia a avere un fumetto con il suo nome. Quando morì nel 1947, vittima di un cancro della pelle, Marston lasciò due donne, quattro bambini e un personaggio che vedrà la sua aura crescere nel corso degli anni. Elizabeth accetta un lavoro in una compagnia assicurativa mentre Olive lavora in una clinica. Le due donne continueranno a vivere insieme. Nel 2017, più di settantacinque anni dopo la sua creazione, il film Wonder Woman, interpretato dall'attrice israeliana Gal Gadot, supera gli 800 milioni di dollari al boxoffice - al pari del "il Cavaliere oscuro" interpretato da Christopher Nolan . Mai come oggi l'amazzone-guerriera, fiera vigilante insieme al fallibile Superman e Batman chiuso alle sue nevrosi, sono davvero così attuali. Tutte le bambine vogliono riconoscersi in lei; #MeToo potrebbe "hashtag" in coro delle loro madri e anche delle loro nonne. Questa è la grande vittoria postuma di William Moulton Marston: avere dato a una donna il potere che tutte rivendicano oggi. Chapeau!

My Wonder Women, di Angela Robinson, con Luke Evans, Rebecca Hall, Bella Heathcote 

/

Articoli correlati

Articoli consigliati