Fashion

Gli eroi del cinema nel guardaroba maschile per l’estate 2020

Il nuovo trend è definito da un sentimento nostalgico, quello per le pellicole cinematografiche cult
Reading time 3 minutes

I trend forecasting si orientano verso la cinematografia e per molti brand il punto di partenza per le collezioni uomo Spring Summer 2020 sono stati i film cult. Grafiche e locandine vengono trasferite sui vestiti seminando fanatismo, e quel sentimento nostalgico per i masterpiece dei registi. Per Dsquared2 l’intepretazione degli anni ’70 affonda i suoi riferimenti nei film d’azione. Le stampe sulle t-shirt diventano le iconografie e i manifesti di Bruce Lee, eroe e maestro delle arti marziali delle proiezioni cinesi più famose di sempre. Anche la silhouette e i tagli sartoriali si ridimensionano alle influenze orientali con richiami a kimoni per la struttura delle maniche e la vestibilità. La natura illustrata contestualizza le references orientali: crisantemi e fiori d’arancio vengono stampati sui tessuti della camiceria; mentre la tigre simbolo di potenza e successo compare sia nelle stampe che nei preziosi ricami della sfilata dei gemelli Caten. Etro affonda il suo storytelling nel cinema fanta-scientifico celebrando Star Wars, iconica saga ambientata nello spazio. Uno sguardo al futuro che omaggia le nuove generazioni. L’approccio di Kean Etro per la collezione co-ed è esplicito: Jedi e droidi compaiono su t-shirt e camicie insieme al famosissimo logo. Il pattern stellari e i poster dedicati agli episodi completano i richiami della collezione Spring Summer 2020. A concludere l’immaginario di Guerre Stellari, il setting post-apocalittico composto dalla navicella spaziale e i bauli targati Star Wars. Il Grande Lebowski dei Fratelli Coen è stato inserito nella collezione di Sacai. Citazioni e frasi vengono riportate all’interno della collezione e le t-shirt ancora una volta hanno la meglio. Tra le uniformi composte dall’abito grigio, il trench, e lo smoking: “One small step for man one giant leap for mankind” stampato sulle magliette della collezione diventa subito lo slogan della collezione ispirata al film degli anni ’90. Meno immediato ma pur sempre citazionale il riferimento di Palm Angels a Romeo+Juliet, il capolavoro di Baz Luhrmann che rielabora in chiave postmoderna la tragedia di William Shakespeare. In questo caso Francesco Ragazzi ha ripreso le stampe fiorate delle camicie hawaiane indossate da Leonardo DiCaprio nel lungometraggio. Anche il memorabile cuore in versione ex voto viene stampato su gilet e camicie ricordando nostalgicamente l’opera cinematografica ambientata nella Verona Beach. La serie di successo Stranger Things, dopo l’apparizione nella collezione di Louis Vuitton Spring Summer 2018 è stata il nucleo di una capsule collection di Levi’s. L’immaginario della saga adolescenziale di Netflix, ricrea il decennio indimenticabile degli anni ’80. Il denim indossato dai personaggi strizza l’occhio al brand famoso per i suoi 501, trovando così terreno fertile per la collezione. Il team del brand ha collaborato con i costumisti della serie replicando autenticamente i capi degli attori, omaggiando i due personaggi preferiti Dustin e Eleven. Su pantaloni e giacche di denim vengono stampati come trasferelli i personaggi del film, mentre il logo del brand viene rielaborato con la grafica della serie TV e riprodotto su t-shirt con fulmini rossi.

Articoli correlati

Articoli consigliati