fashion

Cool anche ad alta quota

by Anne Gaffiè
04.12.2017
Sfidare se stessi, l’adrenalina che sale, il battito del cuore che accelera. Moncler dedica la collezione Grenoble High Performance agli amanti delle competizioni più spettacolari e sceglie Iouri Podladtchikov e Kevin Rolland, due fra gli atleti di sport estremi più impavidi dei circuiti innevati. Gli ambasciatori perfetti per la nuova linea e campioni di stile

Iouri Podladtchikov e Kevin Rolland. Se avete superato la trentina senza essere mai saliti ad almeno 2.000 metri sul livello del mare è probabile che questi nomi non vi dicano niente; anche se entrambi si sono guadagnati il rispetto di un’intera generazione di patiti - professionisti e dilettanti - del “mondo verticale”. Nel loro campo sono due punti di riferimento. Il primo, 29 anni, di origine russa di base a Davos, nelle Alpi Svizzere, è uno snowboarder specialista dell’Half-pipe e del Big Air. Il secondo, ventott’anni compiuti ad agosto, è uno sciatore freestyle francese e campione dell’Halfpipe. Le loro imprese, e il loro fisico, infiammano gli animi. Basta dare un’occhiata ai loro account su Instagram: 42.000 follower per il primo, 34.000 per il secondo. Grazie alle rispettive gallery, questi due fanatici dell’adrenalina vengono attualmente corteggiati da più di un fornitore di attrezzature sportive.Moncler ha colpito nel segno ingaggiandoli come partner per i test ufficiali (condotti in competizione e in allenamento) della nuova linea Moncler Grenoble High Performance.Kevin e Iouri sono gli ambasciatori perfetti

dell’immagine del brand: un concentrato di tecnica e stile.La collezione Moncler Grenoble esalta il dna originale dei piumini lanciati nel 1952 dalla piccola ditta dell’Alta Savoia e aggiornati nel 2003 da Remo Ruffini, intraprendente titolare del marchio oggi quotato in borsa e, casualmente, grande appassionato d’alta montagna. Lo stile incisivo, di tendenza, i materiali di altissima qualità e l’accento posto sull’innovazione caratterizzano una linea dalla vocazione prettamente sportiva dedicata fin dalla sua creazione, nel 2010, alle discipline dal maggior tasso tecnico. Capi straordinari, dunque, disponibili nei più rinomati resort alpini, cui si affiancano quelli del segmento High Performance, lanciato l’anno scorso.Una scommessa sugli sport estremi, dicono in azienda, e in particolare sullo sci, si sarà capito.Prodotti per le competizioni più ostiche, tecnologici e funzionali, in grado di resistere alle peggiori condizioni climatiche e offrire al contempo un comfort impeccabile

e un’estetica dichiaratamente vintage.Proprio ciò che ci si aspetta da un brand che anno dopo anno conferma il proprio valore e sottolinea quello di ogni nuova collezione organizzando a New York sfilate spettacolari come il magico “Winter Ball” - a metà strada tra Visconti e Kubrick - tenutosi lo scorso febbraio all’Hammerstein Ballroom. Con High Performance e i suoi due nuovi testimonial, Moncler ha chiuso uno spettacolare trick da fuoriclasse che assicura all’azienda un posto sul podio, oggi così ambito, dello sport estremo professionistico.

Foto courtesy of Moncler

 

Iouri Podladtchikov indossa giacca da sci in nylon tecnico, Moncler Grenoble High Performance, cappello di lana e cappello con visiera, Moncler Grenoble durante una delle sue performance sulla neve. 

Kevin Rolland compie un salto Freesky in una competizione Big Air. L’atleta indossa giacca da sci in nylon tecnico, Moncler Grenoble High Performance e cappello di lana, Moncler Grenoble.

Un ritratto di Kevin Rolland che indossa giacca da sci in nylon tecnico, Moncler Grenoble High Performance e cappello di lana, Moncler Grenoble.

Condividi articolo

Tags

Articoli correlati

Articoli consigliati