Watches

Dietro le quinte di Audemars Piguet

by Bertrand Waldbillig, France
14.02.2017
Audemars Piguet apre un nuovo negozio e presto un museo. Il ritmo è accelerato da quando François-Henry Bennahmias ha preso le redini della casa quattro anni fa. Ma non preoccupatevi: nella Valle di Joux, culla della produzione, maestri orologiai sanno come prendersi il tempo necessario per l'esercizio della loro arte.

Audemars Piguet ha cercato a lungo una posizione privilegiata, prima di inaugurare il suo nuovo negozio nella ville Lumière. Ma ne è valsa l'attesa: all'incrocio di Rue Royale e Rue du Faubourg Saint-Honoré, il fiore all'occhiello di Parigi, si è trasferito, da alcuni mesi, accanto ad alcuni dei brand più importanti del settore lusso come Prada, Gucci, e naturalmente Hermès. Si allontana da Place Vendome, la culla storica di gioielli e orologeria, forse per sottolinerare la sua diversità: Audemars Piguet è una casa indipendente e fiera di esserlo. Il giorno dell'inaugurazione, il 26 maggio 2016, Francois-Henry Bennahmias presenziava, sorridente come un maestro di cerimonie, in mezzo alla Parigi amante dell'orologeria presente per l'occasione.

Ospiti d'onore della serata: Omar Sy e Teddy Riner, i nuovi ambasciatori del marchio.

Quest'anno, a differenza di altri marchi, egli mostra una crescita a due cifre. Nel 2015, il fatturato ha superato 800 milioni di euro, ponendola al secondo posto tra le fabbriche indipendenti, dietro Patek Philippe e davanti a case famose come Tag Heuer e Jaeger-LeCoultre. Tutto questo è stato reso possibile da una visione a lungo termine. Quando dieci anni fa, i suoi concorrenti stavano correndo a testa bassa sui promettenti mercati asiatici, Audemars Piguet ha scelto di mantenere un buon controllo delle vendite in tutto il mondo, anche nei mercati di crisi. Una strategia che si è rivelata utile oggi. Ma questa non è l'unica spiegazione: il grande progetto di François-Henry Bennahmias, amministratore delegato della casa dal 2012, sta cominciando a dare i suoi frutti.

production/france/images/1483568696429852-1483545980148367-OPT89_123-7.jpg
production/france/images/1483568696204261-1483545979936338-OPT89_123-8.jpg
production/france/images/1483568713250952-1483545980380271-OPT89_122-15.jpg
production/france/images/1483568699150140-1483545979806877-OPT89_123-10.jpg
production/france/images/1483568696595939-1483545980255429-OPT89_123-5.jpg
production/france/images/1483568696723317-1483545981337826-OPT89_122-14.jpg

Un cantiere in tre fasi che lavorano congiuntamente: l'apertura di boutique con il proprio nome; la riduzione graduale del numero di riferimenti al catalogo e, infine, l'aumento di orologi di prezzo medio. Chiaramente, Audemars Piguet, preferisce incoraggiare i clienti ad andare sull'esclusivo. E vista l'idea geniale dietro questo ragionamento, il marchio non esita a lanciarsi a Parigi. Alla fine del 2015, ha lanciato una piccola produzione del nuovo "Royal Oak" in oro giallo. Si tratta di un successo in tutto il mondo, anche in mercati "tradizionalisti" come quello francese. 

"Nell'orologeria, come nell'arte, creiamo oggetti che sono destinati a provocare emozioni" Olivier Audemars

Ha reinventato il golf, - François-Henry Bennahmias è un ex giocatore di golf professionista - l'arte contemporanea e supporta una fondazione che lavora per preservare le foreste, presieduta da Jasmine Audemars, figlia del fondatore. 

L'arte contemporanea svolge un ruolo fondamentale all'interno del marchio. Come sottolineato Olivier Audemars, l'orologeria ha da tempo superato la fase di utilità: "In orologeria come nell'arte, creiamo oggetti che hanno lo scopo di provocare un'emozione". Nel 2014, il marchio ha firmato una collaborazione con Art Basel, celebre mercato a livello mondiale di arte moderna e contemporanea. Nel giugno 2016, a Basilea, è stato ospitato un ricco pubblico nel cuore della fiera, con uno stand progettato da Sebastian Errazuriz, artista e designer di origine cilene. La Commissione Audemars Piguet offre anche il supporto logistico e finanziario ai giovani designer, le cui opere vengono poi presentate ad Art Basel.

production/france/images/1483568693690290-1483545975303342-OPT89_122-1.jpg
production/france/images/1483568696889428-1483545981451860-OPT89_122-10.jpg
production/france/images/1483568710476570-1483545974983183-OPT89_122-5.jpg
production/france/images/1483568692223611-1483545973764724-OPT89_122-6.jpg
production/france/images/1483568696996781-1483545981572292-OPT89_122-9.jpg
production/france/images/1483568693574253-1483545975153885-OPT89_122-2.jpg

Fortemente radicata nella sua terra e le sue tradizioni, Audemars Piguet ha fiducia nel futuro. Nel 2017, la versione femminile di "Royal Oak" celebrerà il suo 40 ° anniversario in grande stile, prima dell'arrivo di una collezione completamente nuova, prevista per il 2018: una delle principali sfide per il marchio. Il 70% dei modelli venduti sono oggi i "Royal Oak". 

Oggi, ogni appassionato di orologi desidera possedere il proprio Audemars Piguet.

Young-Ah Kim fotografo

Condividi articolo

Articoli correlati

Articoli consigliati