Viaggi

Cosa fare a Torino? 5 idee per un itinerario unico

La Fetta di Polenta vi lascerà di stucco, per non parlare della bontà del celebre bicerin. D'altronde, Umberto Eco diceva: "Senza l’Italia, Torino sarebbe più o meno la stessa cosa. Ma senza Torino, l’Italia sarebbe molto diversa"
Reading time 3 minutes

Cosa fare a Torino: vedere la Fetta di Polenta
 

Il vero nome dell'edificio è Casa Scaccabarozzi, ma i torinesi da tempo la chiamano affettuosamente Fetta di Polenta. Il motivo? La sua struttura, assurda, e il caratteristico colore giallo: l'edificio, ideanto da Alessandro Antonelli, nel suo lato più stretto misura solo 54 centrimetri. L'architetto ne fece una scommessa personale: per dimostrarne la sicurezza ci abitò, insieme alla moglie, per qualche anno.
 

Torino, cosa fare: visitare la Mole Antonelliana (Museo Nazionale del Cinema)
 

167 metri d'altezza per il simbolo indiscusso di Torino. La Mole Antonelliana, che prende il nome dall'architetto Antonelli, venne inizialemente progettata per essere una Sinagoga. Tuttavia, questa funzione non si verificò mai e ben presto l'edificio diventò proprietà del comune. Oggi ospita una delle attrazioni maggiori della nuova Torino, il Museo Nazionale del Cinema
 

Luoghi da visitare a Torino: il Parco del Valentino
 

E se avete voglia di fare una bella passeggiata nel verde, il posto giusto in cui andare è il Parco del Valentino. Qui, i torinesi amano venire a correre o semplicemente a rilassarsi: il parco pubblico è reso ancora più bello da un giardino botanico, da un castello (oggi sede della Facoltà di Architettura del Politecnico di Torino) e da un curioso borgo finto medievale. Per di più, si affaccia sulle rive del Po: non è difficile capire perché i cittadini se ne siano innamorati. 
 

Cosa vedere a Torino: mercato di Porta Palazzo
 

Passeggiare per i mercati è uno dei modi migliori per conoscere una città nella sua versione più autentica. Ecco perché visitare il mercato di Porta Palazzo, il mercato all'aperto più grande d'Europa, può rendere ancora più interessante la scoperta di questa città. Più di mille gli ambulanti presenti e un giro di 100.000 visitatori settimanali, qui troverete di tutto. Dall'alimentare, con carne, pesce, frutta e verdura, fino all'abbigliamento e all'elettronica: ce n'è per tutti.
 

Torino, cosa fare: bere un bicerin
 

Visitare Torino senza bere un bicerin equivale a un peccato mortale. Perché la bevanda tipica piemontese merita di essere assaggiata almeno una volta. Composta da caffé, cioccolato e crema di latte solitamente viene servita in bicchieri tondi e trasparenti: un gusto avvolgente, unico, che nel tempo ha ammaliato niente di meno che Camillo Benso Conte di Cavour e lo scrittore Alexandre Dumas. Dove assaggiarlo? Nel luogo che l'ha fatto nascere, che domande. Il caffé Al Bicerin, che si trova di fronte al Santuario della Consolata, serve la ricetta originale (e segretissima). 

Tags

Articoli correlati

Articoli consigliati