viaggi

I nuovi rifugi

I rifugi in montagna da semplici aree di sosta cambiano look per trasformarsi in lodge eco-chic di lusso con viste da sogno, ristoranti gourmet e rigeneranti Spa. Sono loro la nuova frontiera del turismo ad alta quota, già capaci di sedurre gli amanti della neve e del “Bien Vivre”, come l’iconico James Bond.
Reading time 3 minutes

Oberholz Hütte:

Inaugurato nel 2017 questo rifugio sulle Dolomiti - realizzato con materiali eco-sostenibili - vanta una terrazza panoramica con vista su Corno Nero e Corno Bianco. Un capolavoro di design a 2.096 metri di altezza, firmato dall’architetto Peter Pichler  e composto da tre volumi geometrici di vetro e larice che ospitano un ristorante gourmet, ideale per provare le specialità enogastronomiche della Val d’Ega, come il risotto con pino mugo di Obereggen, mozzarella di bufala e manzo essiccato. Grazie anche all’accesso diretto all’omonima e storica pista da sci, il rifugio Oberholz è l’approdo ideale per chi ama sciare con la pancia piena.

Obereggen 16 I-39050, Nova Ponente (BZ).

Sunny Valley Kelo Mountain Lodge:

La Valle dell’Alpe, nel cuore del Parco Nazionale dello Stelvio, ospita questo rifugio con Spa interamente costruito in pietra locale e abeti di origine lappone, chiamati «Kelo». Posizionata a 2.775 metri sul livello del mare, questa struttura realizzata da un team composto da artigiani e professionisti valtellinesi insieme ad esperti nella lavorazione del legno, provenienti dalla Finlandia, si compone di 11 suite e un’area wellness, famosa per ospitare la “kelosauna” più alta del Mondo, fiore all’occhiello del Lodge. Il rifugio si trova direttamente sulle piste da sci ed è uno dei pochi ski in/ski out hotel, dove gli ospiti possono uscire dalla propria stanza ed iniziare a sciare.

Vallalpe, 23030 Santa Caterina Valfurva, Valfurva (SO).

Alpina Dolomites Lodge Hotel:

Questa struttura sorge sulle Dolomiti e vanta un’esclusiva posizione panoramica sull’Alpe di Siusi. È costituita da un corpo principale e dall’Alpina Chalet, un edificio circolare a sé stante, collegati tra loro da un tunnel sotterraneo. Questo rifugio è stato edificato secondo criteri ecologici che permettono il minimo impatto ambientale possibile, nonché un basso consumo energetico. Dispone di 60 camere Superior/Exclusive e suite Deluxe con vista spettacolare sull’altopiano.

Compatsch, 62/3, 39040 Alpe di Siusi BZ

Monte Rosa Hütte:

Un rifugio dallo stile futuristico che sorge a 2883 metri di altezza, sul ghiacciaio di Garnergrot, nella Svizzera Vallese. Viene chiamato dai locali il “Cristallo di roccia” ed è il frutto di progetto dello "Studio Monte Rosa" del Politecnico di Zurigo realizzato con la collaborazione del Club Alpino Svizzero. Mix di design ed alta tecnologia, questa struttura è stata realizzata per raggiungere elevati criteri di sostenibilità, ed è autosufficiente al 90%. Caldo e accogliente, con panorami mozzafiato su Monte Rosa e Cervino, questo rifugio può ospitare fino a 28 persone.

3920 Zermatt, Svizzera

Ice-Q:

Gli amanti di James Bond hanno potuto dare “una sbirciatina” a questo capolavoro alpino nel film Spectre del 2016. Situato tra le vette di Sölden, sulle Alpi austriache, ospita un ristorante gourmet dalle ampie vetrate - firmate studio Obermoser – ed è posizionato a ben 3.048 metri d’altezza. Da provare un bicchiere di Pinot Noir 3000, fiore all’occhiello del posto.

Gaislachkogl Bergstation, Dorfstraße 115, 6450 Sölden, Austria

Articoli correlati

Articoli consigliati