Viaggi

Hot Spot: La Mirande d'Avignon

Un’attraente fuga nel cuore storico di Avignone
Reading time 4 minutes

A sole 3 ore di treno dalla capitale, Avignone è la fuga ideale per un fine settimana all'insegna dell'arte, della storia, del cibo e del vino. Conosciuta come la Città dei Papi , questa perla della Provenza deve gran parte della sua bellezza al periodo in cui vi si trasferirono il Papa e la sua corte (dal 1309 al 1377) . La piccola e tranquilla città francese fu per anni considerata alle estreme di un cantiere, fino a quando fu battezzata la "Seconda Roma". Oggi è un museo a cielo aperto, che raccoglie alcune delle opere più belle del paese.

Come spesso accade, all'arte e alla storia si accompagna la gastronomia! La storica cultura della vite e l'arte del mangiar bene rendono la città terreno fertile ben lontano dall’essere dimenticato. Si dice persino che l'ultimo Papa abbia pianto per aver lasciato la città, convinto che non avrebbe mai trovato un vino simile in Italia.

 

Nel cuore della città, non lontano dal Palais des Papes, si trova La Mirande , un hotel a 5 stelle dall'eleganza senza tempo, che ci invita a vivere la Storia della città come dei testimoni oculari. 

Costruito da un cardinale all'inizio del XIV secolo, la livrea di Saint-Martial - un termine storico che designa la residenza dei cardinali - era famosa per i suoi sontuosi ricevimenti. Quando la dimora fu distrutta da un incendio nel 1410, fu costruita una nuova casa sulle rovine. Divenne quindi l’alloggio del sindaco di Avignone (Hôtel Pamard) e fu infine acquistato dalla famiglia Stein nel 1987.

È un titanico lavoro di ristrutturazione affidato ai migliori artigiani di Avignone, che Martin Stein, oggi direttore dello stabilimento, ha condotto, con François-Joseph Graf, rinomato decoratore.

Riaperto nel 1990, il risultato è unico. Rispettando la tradizione e lasciando traccia delle diverse fasi attraversate da La Mirande, la meticolosa attenzione ai dettagli, la ricerca di materiali e la personalizzazione di ogni spazio creano un’atmosfera intima e rilassante che rende La Mirande un paradiso in terra, in cui il cliente non manca mai di essere accompagnato da personale discreto e sempre disponibile. 

 

/

Al piano terra, il patio – in passato una terrazza - è il cuore dell’albergo. Ogni ospite è invitato a prendere un tè accompagnato da un buon libro. L'accesso al ristorante gastronomico , stellato Michelin, avviene sotto l'occhio vigile del suo chef Florent Pietravalle.  Ha appena riaperto 4 giorni alla settimana nel saloni e nel giardino, da giovedì a domenica compresi. 

Nel seminterrato, i corridoi e le gallerie sono stati allestiti con la mostra dell’artista americano Timothy Hennessy e conferiscono all’ambiente un'atmosfera insolitamente artistica. È qui che il Tavolo Alto di La Mirande si adatta oggi alle nuove regole del distanziamento e diventa: Mirage - contrazione di Mirande e Garage -,   per i pasti da portare via o consumare in loco nel vecchio garage e spazi adiacenti dell'hotel. È il team della Table Haute e della Cooking School che prepara, nella cucina del XIX secolo, un menu giornaliero basato su prodotti freschi, locali e biologici.

Per di più – come se ne avessimo ancora bisogno - La Mirande offre un caloroso benvenuto ai nostri fedeli compagni di viaggio a quattro zampe. Una ciotola d’acqua fresca li attende nella tua stanza. 

Articoli correlati

Articoli consigliati