Hommes

"A rare gaze" with Viggo Mortensen

Viggo Mortensen presenta il suo primo lavoro dietro la macchina da presa: "Falling". E mostra un personaggio complesso, odioso, omofobo, razzista. Senza mai giudicarlo.
Reading time 10 minutes
RAF SIMONS Blazer e pantaloni. Maglione a girocollo, Tagliatore.

“Falling” è (letteralmente) la storia di una caduta. Quella di un uomo, Willis (Lance Henriksen) colpito da una malattia neurodegenerativa. Il film ripercorre, andando a ritroso nel tempo, l’infanzia del figlio John (Viggo Mortensen), l’adolescenza fino all’età adulta, senza mai cercare di rendere simpatico un personaggio fondamentalmente odioso, omofobo, vagamente razzista ma cercando di rappresentarlo in tutta la sua complessità. Con grande delicatezza, Mortensen racconta tanto l’angoscia di fronte alla malattia quanto la vita che persiste, ordinaria, prosaica, tenera. 

Quando hai iniziato a pensare di scrivere un film da regista, lo hai fatto pensando a una scena specifica?
La prima volta che ho cercato un finanziamento, per raccontare una storia che avevo scritto e che volevo dirigere, è stato 24 anni fa. Da allora ho cercato di farlo in ripetute occasioni, con altre mie sceneggiature. Mi ci sono voluti un paio di tentativi e quasi quattro anni per realizzare “Falling”. L’idea mi è venuta dopo il funerale di mia madre, volevo esplorare i miei ricordi su di lei e, di conseguenza, sul suo rapporto con mio padre e l’educazione che ho condiviso con i miei fratelli. Ma il motivo per cui “Falling” si è rivelato il mio debutto alla regia è stato perché questa volta sono riuscito a raccogliere abbastanza soldi.

Da quali registi credi di aver imparato di più e quali i ricordi di quando eri sul set di “Falling”?
Ho avuto la fortuna di aver imparato da molti registi nel corso degli anni, e ho anche imparato molto guardando film di cui non ho fatto parte. Ci sono tanti esempi di sceneggiatura, fotografia e montaggio che ho ammirato e disprezzato nel corso degli anni. E anche se non ho imitato consapevolmente il lavoro o lo stile di nessuno, presumo che tutto ciò che ho visto e sentito nella mia vita abbia influenzato il mio modo di raccontare storie. Le cose che ho consapevolmente imitato, per quanto riguarda l’approccio del regista al lavoro, sono state tre: preparare le riprese in modo accurato e il più presto possibile, rimanere costantemente aperto ai suggerimenti e alle domande del cast e della troupe, essere presente ad ogni secondo del processo di editing.

C’è un aspetto del tuo film che mi è piaciuto molto: come lasci spazio alla contemplazione come parte dello storytelling. Era qualcosa che avevi già in mente o ti è sembrato naturale quando hai iniziato a girare?
Il ritmo della storia e l’uso del silenzio in molte scene di “Falling” credo sia stato dettato dalla storia stessa. Le reazioni non verbali dei personaggi, soprattutto da parte di Willis, sono state importanti quanto qualsiasi linea di dialogo. Per quanto riguarda l’uso della musica non amo, da spettatore, una partitura che sembra volermi indirizzare apertamente su come dovresti pensare o sentire una storia. Sapevo molto prima di girare il film che era una storia che richiedeva una partitura abbastanza discreta.

Quando hai iniziato a pianificare le riprese, c’era un mood-board che tu e Marcel Zyskind (il direttore della fotografia) avevate in mente? 
Non esattamente. Prima delle riprese ho condiviso molte immagini con Marcel, alcune mie e altre di altri artisti, e lui ne ha condivise con me. Lo stesso è successo con alcuni film che pensavo avessero una somiglianza visiva — in termini di scelte di illuminazione, posizione della macchina da presa, inquadratura... — con “Falling”. Ben prima delle riprese principali avevamo una idea precisa di quello che volevamo realizzare, ed è stato di grande aiuto iniziare a girare insieme otto mesi prima dell’inizio delle riprese principali (e prima di avere i soldi per realizzare il film). L’idea era quella di accumulare una raccolta di immagini nei luoghi rurali presenti nella storia, girate in stagioni diverse, da usare come frammenti di memoria visiva, soggettiva, dei personaggi principali. Non solo abbiamo raggiunto questo obiettivo, ma ci siamo conosciuti come squadra e abbiamo scoperto che la nostra estetica visiva era molto simile.

Hai chiesto consigli ai registi con cui hai lavorato?
Ho mostrato la sceneggiatura a un paio di sceneggiatori-registi che conosco e a un amico editore letterario. Per avere un’idea di ciò che secondo loro funzionava e ciò che non funzionava, in termini di struttura e ritmo della storia. A loro per fortuna è piaciuta la sceneggiatura, ma mi hanno dato alcuni suggerimenti utili che mi hanno aiutato a perfezionarla.

Nei tuoi rapporti con i registi, cosa ti aspetti e cosa preferisci: qualcuno che sia estremamente chiaro nelle istruzioni, che non lasci molto spazio all ’ improvvisazione o qualcuno che ti dia più libertà?
Mi piacciono i registi che sono estremamente preparati e sanno quello che vogliono realizzare ma che sono anche abbastanza sicuri come individui da rimanere aperti a suggerimenti e domande che il cast o la crew potrebbero avere.

Sul set di “Falling”, come è andata con il cast?
Ho cercato di adattarmi alle esigenze di ogni attore e di mantenere aperte le linee di comunicazione. Gli attori più giovani avevano comprensibilmente più bisogno di guida rispetto agli adulti.

Scrivi poesie, fai musica... Quando hai iniziato a recitare, ti sei sempre visto come uno che non si attiene strettamente solo alla recitazione?
Non ho mai considerato la recitazione come una forma di espressione artistica separata da altri modi di espressione. Scrivere, fotografare, dirigere, comporre e suonare musica sono tutti modi di comunicazione, sono come dialetti diversi e quindi correlati.

Credi che ogni aspetto di questa attività si formi a vicenda?
Sì. Sono tutti rami dello stesso albero.

Quello che mi ha colpito nel tuo film è come tu non sia mai critico nei confronti di Willis. Mi ha ricordato un verso di Leonard Cohen “And the dealer wants you thinking/That it’s either black or white/ Thank God it’s not that simple/In my secret life” Era importante mantenere un equilibrio, soprattutto quando ciò che il personaggio incarna è odioso? E in un contesto più ampio, è un approccio alla vita che trovi interessante?
Sì. Nessuna persona è solo una cosa. Quando preparo un personaggio come attore o ne creo uno come scrittore cerco sempre di far emergere le contraddizioni e le incongruenze che caratterizzano ogni persona, per quanto prevedibile o stabile possa sembrare inizialmente il suo carattere e comportamento.

Guardando alla tua carriera, i ruoli che hai interpretato sono stati coerenti con la tua evoluzione personale? Riflettono la tua biografia? 
Siamo definiti dalle scelte che facciamo, su questioni grandi e piccole, ogni giorno. Suppongo che i ruoli che ho interpretato e come li ho interpretati in origine, indipendentemente da come sono stati modificati, siano in qualche modo parte della mia storia personale e della mia evoluzione. Oserei dire che il modo in cui interagisco con le persone e le tratto, il grado di cortesia e di rispetto che mi concedo con ogni persona che incontro è la misura più importante della mia personalità e del mio carattere.

Accetti di trovare qualcosa di te stesso nel personaggio, o, al contrario, cerchi qualcosa di totalmente estraneo a te stesso?
All’inizio non cerco me stesso nel personaggio ma, piuttosto, cerco una storia che mi interessa e che sarei interessato a vedere come spettatore. Una volta che accetto di interpretarlo, però, cerco una connessione e cerco di esplorare ed eventualmente accentuare aspetti della mia personalità che sono utili nella costruzione di quel carattere. In linea di principio, non c’è nessun personaggio con cui non possa entrare in empatia e in cui non riesca a trovare anche qualche aspetto di me stesso. Il resto della costruzione comporta l’uso della mia immaginazione, che credo non avere limiti.

Come ti prepari una volta che hai accettato una parte?
Mi pongo una domanda sul personaggio che interpreterò, che ha una quantità infinita e profonda di risposte: “Cosa è successo nella vita di questa persona prima della prima pagina della sceneggiatura.

In un’epoca in cui praticamente tutti hanno una presenza sui social network, salvaguardare la propria vita privata è l’unico modo per rimanere mentalmente sani nel mondo dello spettacolo?
Non ci sono abbastanza ore in una giornata; non ho alcun interesse ad aggiungere un compito che trovo per lo più frivolo, e un enorme spreco di tempo ed energia ai miei già impegnati giorni sulla terra.

Hai un modello da seguire nel costruire la carriera?
Seguo il mio istinto il più possibile, supponendo di potermi permettere di aspettare che arrivino quelle che mi sembrano buone storie. Non ho un piano cosciente su quale tipo di storia cinematografica - il genere, il budget, la nazionalità o qualsiasi altra cosa - mi attirerà.

È tuo dovere come artista esprimere la tua opinione sulla politica? Oppure scegliere i ruoli con attenzione e gestire la Perceval Press (la sua publishing company, ndr) è il tuo modo di agire su questo fronte?
Sono un essere umano e un cittadino del mondo. Come tale, ho lo stesso diritto di qualsiasi altra persona al mondo di esprimere le mie opinioni su qualsiasi argomento, indipendentemente dal fatto che qualcun altro pensi che le mie opinioni siano ben informate o meno, accettabili o meno.

Quali scene di film, o di un’opera teatrale, ti hanno colpito e sono ancora con te?
Molte, troppe per poterle citare. Ciò a cui mi ispiro in ogni momento varia, ma ci sono scene che continuo a ricordare con affetto. Allo stesso tempo altre, che mi hanno attirato, sembrano perdere il loro splendore nel tempo. Durante il lockdown ho rivisto molti film che non vedevo da tempo, oltre a vedere molte nuove storie. Alcuni lungometraggi che anni fa mi piacevano mi sono piaciuti tanto quanto - o di più - altri meno, comprese scene che prima pensavo fossero girate, dirette e recitate bene. Penso che tutto si evolva, o meglio, che io mi evolva in modo tale che le diverse sequenze di film tendano a impressionarmi in ogni momento.

Quali sono gli ultimi film/libri/registrazioni che ti hanno impressionato?
Recentemente ho letto “Burning the Books” di Richard Ovenden, da cui ho imparato molto, e lo stesso vale per “All For Nothing” di Walter Kempowski e “Apeirogon” di Colum McCann. Mi sono anche ispirato, tra gli altri film, a “Una giornata particolare” di Ettore Scola, a “Hiroshima, mon amour” di Alain Resnais, a “L’Atalante” di Jean Vigo e a “Los santos inocentes” di Mario Camus. Per quanto riguarda la musica, ho ascoltato molto il pianista jazz Bill Evans, il trombettista e compositore Ibrahim Maalouf, la pianista classica Martha Argerich e la band Skating Polly.

Photographer Quentin De Briey 
Stylist Simonez Wolf
Grooming by Fidel Fernandez
Photographer Assistant Achraf Issami
Stylist Assistant Maya Valère-Gille

Tags

intervista
viggomortensen

Articoli correlati

Articoli consigliati