musica

#Talkingwith Jack Savoretti

Intervista al cantautore italo-inglese
Reading time 3 minutes

Jack Savoretti è sorridente e solare come un vero italiano ma ha quella precisione tipica dei londinesi, un mix vincente di cultura e di idee che l'ha reso celebre per la sua musica in tutto il mondo. 
E' a Milano per presentare "Singing to strangers" disco appena uscito in tutto il mondo anticipato da 3 inediti già di successo. 
L'album è stato registrato a Roma, città cara al cantautore, che ha influenzato lo stile dell'intero album e dove Jack è riuscito a trovare un equilibrio e un armonia unica, "Roma ti cambia, ha vinto su tutti noi, lo sapevo che sarebbe stato così, era l'unica città che poteva farcela" ci dice. 
Questo disco segna un punto importante nella carriera di Jack Savoretti, è diverso, nasce dopo 5 anni in tour e dalla consapevolezza di aver trovato la libertà nelle cose semplici, nell'amore e in un luogo fisso dove vivere, la sua casa in campagna lontano dai ritmi della città. 
Le influenze sono chiare: Serge Gainsbourg, Ennio Morricone, Tenco, Battisti e Patty Pravo, tanta Italia come musa.
Ecco cosa ci ha raccontato della sua musica, del suo stile e di tanto altro. 

Ci hai detto che il tuo disco è come un film, ma di  che tipo? 
Ci sono momenti in cui piangerai, altri in cui ti divertirai. Mi piacerebbe fosse come la Dolce Vita di Fellini, perchè c'è tanta tristezza in questo album ma anche tanta speranza. Spero che questo disco ispiri le persone, sia coraggio e forza. 

Quanto emotivamente ti ha coinvolto "Singing to strangers"
Non mi sono mai divertito così tanto facendo un album. Ho scelto una prospettiva diversa: stare a testa alta qualsiasi sia il discorso da intraprendere. 

Quali sono le canzoni che ti hanno segnato di più come persona?
Chemical courage perchè è stata la prima canzone veramente onesta della mia carriera, Candle light perchè è stata decisiva stilisticamente e come ideale di musica, mi ha spinto a fare qualcosa che avrei sempre voluto fare e mi ha regalato la soluzione per farlo e poi "Singing to strangers" che rappresenta il mio persorso con estrema semplicità: in 3 frasi. 

Sei tornato in Italia per creare il tuo disco, sei andato nella capitale per trovare l'ispirazione, per te Roma è:
Caos, eleganza e bellezza

Un'ultima domanda molto moda, ci descrivi il tuo stile
Caos, eleganza e bellezza, forse è per questo che mi piace Roma... 

/

Date del Tour italiano di Jack Savoretti

16/04/2019 - Padova @ Gran Teatro Geox

17/04/2019 - Milano @ Fabrique

18/04/2019 - Roma @ Atlantico

 

Articoli correlati

Articoli consigliati