Fashion

Il recap della Milano Fashion Week

Un percorso tra le novità abbigliamento e accessori per l’autunno-inverno 2020
Reading time 12 minutes

Milano si conferma un punto di riferimento sia per i brand consolidati di portata internazionale, sia per il rilancio di maison e aziende che stanno cambiando direzione creativa ritrovando il proprio DNA. Non solo una fitto calendario di show, ma anche numerose presentazioni da cui si evincono le prossime tendenze per l’autunno/inverno 2020. Abbiamo selezionato e rivisto una serie di marchi di cui sentiremo parlare nella prossima stagione.

MARYLING

/

L’Autunno Inverno 2020 per MARYLING è racchiuso in “Grand Bazaar Hideaway”, una collezione dall’ispirazione folk e contemporanea ma rivolta, al contempo, verso una profonda comunione con il mondo naturale. L’ispirazione nasce dai grandi bazaar di Istanbul, i cui microcosmi di storia, di cultura e di artigianato trascendono secoli di evoluzione: allo stesso modo, la visione della maison amplifica il desiderio di esplorare l’antica civiltà rimanendo, però, ancorata nel mondo moderno e tecnologico. Il punto di partenza per la creazione di questa collezione, che si distingue per un uso personale delle cromie e delle texture uniche ed identitarie, è l’opera di Jean-Michel Coulon, pittore francese del XX secolo, capace di esplorare il colore e la trama. Il risultato è una proposta orientata ad esaltare una femminilità autentica, naturale e creativa, capace di racchiudere lo spirito di MARYLING.

ROMEO GIGLI

/

Nella sua collezione FW 20-21, De Benedetti ha immaginato di vivere la sua idea di Gigli come se fosse un sogno in technicolor, partendo da alcuni punti focali del vocabolario del brand. Una visione quasi lisergica, dal gusto molto ricercato, dove i colori si accendono di nuance acide, vivide, eye-catching (il verde è roulette, l’azzurro evidenziatore, il giallo è acid lime); dove il romanticismo decadente di “quel” Romeo, diventa una sinfonia techno di accorgimenti fluttuanti, pieghe, increspature e incastri sartoriali di assoluta precisione.

TRUSSARDI

/

Una nuova mente creativa si aggiunge alla schiera di talenti chiamati da Trussardi a reinterpretare i codici stilisti del marchio per l’Autunno/Inverno 2020-21. Ilenia Durazzi, designer prescelta per la stagione, delinea con questa collezione la sua idea di femminilità. La sua è un’immersione nell’archivio Trussardi per raccontare in modo inedito nuovi codici stilistici pensati per una donna consapevole e forte. Un guardaroba concepito per un uso quotidiano che preserva però l’eleganza e la sensualità dei capi da sera. Lo stile è spogliato di orpelli  e fa eco al razionalismo italiano, per la sua essenza moderna e funzionale.

BENETTON

/

La storica expertise tecnica del brand di Treviso gioca ovviamente in prima linea: dalla maglieria – con inserimenti di lurex e jacquard ricamati – ai tessuti - con neoprene double-face, impermeabili stampati, morbida ecopelle - agli accessori, realizzati con estrema cura. Perché la Fall Winter 2020 di Benetton è davvero Fashion for Everybody: uno stile nomadico, libero, pieno di ibridazioni, da vivere e condividere. Per i cittadini e le cittadine di un mondo senza muri.

BALLY

/

Purezza della forma è il mantra per Bally che gioca su linee pulite, materiali naturali e toni neutri che riflettono l’impegno del brand a favore dell’ambiente. Non manca la passione per le innovazioni tecniche, in un continuo intreccio fra tradizione svizzera e visione moderna. Le linee morbide e le silhouette scolpite esprimono l’integrità e l’eterogeneità delle forme. La donna Bally è emancipata, radiosa e vivace. Il suo stile sobrio si esprime componendo strati eleganti e confortevoli. Tra le calzature troviamo i modelli senza tempo, immancabili nel guardaroba femminile, come gli stivali alti Dayan in pelle bicolore e la décolleté Deva. Per le borse, la collezione Vestige è composta da tote in pelle trapuntata, borse a mano e a tracolla e mini bag e si impreziosisce del nuovo dettaglio metallico 1851. Nel prêt-à-porter i cardigan e dolcevita in morbido cashmere incontrano le affilate silhouette sartoriali di camicie in seta con stampe d’archivio e di pantaloni con spacchi. I capispalla, cappotti sciancrati in pelle ed eleganti modelli in montone, sono valorizzati da bottoni in metallo martellato. 

MILA SCHON

/

La collezione per il prossimo autunno/inverno interpreta il concetto di moderno nel senso di “senza tempo”: un guardaroba efficiente, progettato per essere indossato in infinite combinazioni personali e pensato per semplificare la vita moderna. I tagli puliti, i volumi e le costruzioni double esaltano la preziosità dei materiali: cashmere, lana, seta. I colori sono quelli più classici: il bianco, il nero, il cammello e qualche accenno di rosa India. Per la prossima stagione ci sarà anche la capsule “Mila Around the Clock”: dieci pezzi neri, essenziali, adatti ad ogni donna in ogni momento della giornata e con funzionalità interscambiabili, come il cappotto indossato come un abito. Uno stile riconoscibile e senza tempo.

PIAZZA SEMPIONE

/

La collezione di Piazza Sempione per l’autunno/inverno 2020 si ispira allo stile sobrio e carismatico di Anjelica Houston negli anni ’70, una musa ideale per uno stile dall’appeal contemporaneo. È questo l’approccio di Stefano Citron e Federico Piaggi, direttori creativi del marchio, che reinterpretano in chiave moderna l’attitudine libera e il look fuori dagli schemi della famosa attrice americana. La collezione è impreziosita da una palette cromatica vivida e sofisticata, che imprime energia e appeal visivo. I toni dei verdi e dei blu sono declinati in mille sfumature—salvia, acquamarina, avio. Abbinati al color lavanda e al viola, suggeriscono con spirito creativo una interpretazione personale e artistica dello stile senza tempo del brand. E per portare il brand verso una dimensione contemporanea e quotidiana il progetto video e foto “Talks, where fashion meets design” realizzato da Pasquale Abbattista e curato da Paola Ventimiglia, interpreta lo stile del brand tramite se donne carismatiche: Clara Bona (Architetto/Giornalista), Ludovica Cabib (Decoratrice d’interni e fondatrice di Officine De Rolandi), Carlotta Saibene Canepa (Designer tessuti Canepa), Silvia Gallotti (AD Gallotti&Radice), Francesca Savini (Architetto) e Francesca Taroni (Direttore mensile Living). Il focus dei talk è il binomio moda/design,  toccando temi di grandi attualità come sostenibilità, digitalizzazione, artigianalità, industrializzazione e globalizzazione.

ASPESI

/

Per la stagione Autunno/Inverno 2020, Aspesi continua a vestire personalità libere, indipendenti, che tracciano il proprio percorso e seguono le proprie regole. Una nuova beat generation che coltiva lo stesso spirito anticonformista degli anni Sessanta, ma è proiettata nel futuro. Aspesi promuove un’eleganza discreta, silenziosa ma anche audace, che non si piega alle tendenza ma che risponde alle sollecitazioni del mondo contemporaneo con la propria voce, inconfondibile. L’accurata ricerca nello sviluppo dei materiali si combina a una sensibilità sofisticata nella scelta e nell’abbinamento dei colori. Si gioca con libertà con le sovrapposizioni, mentre i confini tra funzionalità e stile si confondono. 

BRUNELLO CUCINELLI

/

Creata secondo i valori di autenticità e di longevità, la collezione è pensata per un utilizzo sempre più trasversale e versatile nel corso delle stagioni, per accompagnare l’evoluzione della giornata e per rispondere alle diverse occasioni grazie ad uno styling capace di rinnovarsi facilmente con capi e accessori speciali. Silhouette essenziali valorizzano le avvolgenti superfici di maxi cappotti, le camicie maschili aperte lasciano spazio al corpo ed alla sensualità, le giacche dalle spalle importanti si alternano ai pullover in maglia inglese. Camicie, caban, gonne e pantaloni dagli effetti brillanti, bronzo, oro e argento diffondono un fascino femminile soprattutto in abbinamento ai tessuti dell’heritage maschile.

LES COPAINS

/

Torna un brand che fa parte della storia della moda italiana: Les Copains oggi acquisito della società bolognese Super srl, di proprietà della famiglia Zambelli. Alla direzione creativa Yossi Cohen che ha ripreso alcuni motivi iconici del brand per la nuova collezione che scommette sul savoir faire italiano. La proposta FW2021 presenta capi che rievocano le atmosfere francesi degli anni Settanta, quelle stesse che ispiravano le prime collezioni Les Copains. Il nuovo Direttore Creativo fa rivivere lo spirito francese che definisce l’anima Les Copains sin dagli albori, reinterpretando lo stile borghese e upper-class del tempo con un accento ribelle. Torna l’attenzione sulla maglieria, fiore all’occhiello di quel saper fare tutto italiano, declinata nei filati più nobili che vanno dal classico merinos al puro cashmere, dai versatili cardati al mohair, in fantasia punti e con piccoli dettagli che rendono ogni pezzo unico. La collezione è un dialogo continuo tra linee e tessuti maschili dei capispalla e dei pantaloni e la femminilità che fiorisce nelle stampe leggere di bluse e abiti, nella morbidezza dei cappotti in alpaca o nella brillantezza delle paillettes.

ROBERTO CAVALLI

/

E ancora l’heritage è l’ispirazione per il brand che ha fatto del pattern animalier il suo cavallo di battaglia che veste una donna seducente e sempre intrigante anche nel daywear. Cinque le iconiche stampe di stagione: Tigresse in versione naturale o in un’opzione bianca; Leopard naturale o rosso fiammante; Reptilia offre una combinazione geometrica di pelle di anaconda e pitone in grigio roccia; Plumage è una stampa di piume evanescenti in verde smeraldo, oppure in sfumature di rosso e rosa corallo, mentre Panache svela un motivo grafico a chevron di sinuose piume disegnate a mano. Il sartoriale maschile  influenza il guardaroba da giorno della donna Roberto Cavalli. Suit con blazer doppio petto e pantaloni svasati in Prince of Wales appaiono accanto ai cappotti rigorosi, a caban che ricordano le atmosfere della Swinging London degli anni Sessanta e ai robe coat dagli effetti furry in stampa Tigresse. Non manca la maglieria preziosa con intarsi effetto pizzo che disegnano stampe, mentre le lavorazioni jacquard creano motivi Reptilia. Per il cocktail e la sera, tubini e piccoli chemisier brillano con disegni ispirati alle preziose uova degli zar o in piumaggi tridimensionali impreziositi da jais e piume di struzzo oro, mentre sensuali abiti longuette in chiffon satin drappeggiati sono stampati con i motivi Plumage e Leopard.

BORBONESE

/

Il 2020 segna il 110 ° anniversario di Borbonese. Fondato nel 1910, il marchio ha infatti attraversato il XX secolo intrecciando legami con figure preminenti del panorama artistico italiano e internazionale. Pervasa da un senso di contegno architettonico virato in glamour estremo, la sua collezione è ugualmente stratificata: fonde lo spirito lady like con accenni di pulizia anni Novanta, motivi wallpaper anni Settanta con cenni di caccia, suit di pelle dal taglio preciso e chemisier, e sopra tutto capispalla affermativi. Per la prossima stagione la donna sarà gloriosamente severa, ai piedi stivali dal tacco grosso o sandali a punta, una lunga sciarpa avvolta intorno al collo come un trompe l’œil ritagliato di un cappotto. Il focus è sulla costruzione: cappotti kimono senza colletto e gonne a ruota sono aperti da spacchi e pannelli; piccole giacche sono segnate da pince in vita. Accessori come la borsa 110 - una moderna interpretazione della borsa d’archivio Lady Butterfly - e occhiali da sole a specchio con montature spesse completano il messaggio. Una presentazione ricca di suggestioni grazie all’architettura del Duomo di Milano come sfondo ideale per una collezione timeless e preziosa.

ALEF

/

Alef – marchio di borse fondato da Tiziano Colasante e Alessia Auriemma -  ha scelto la settimana della moda milanese per inaugurare il suo primo monomarca, uno spazio di 70 mq su due livelli nel Quadrilatero, in via Borgospesso angolo via della Spiga, che diventa anche showroom direzionale. Lo spazio è cosparso da nicchie espositive orizzontali illuminate con luce calda avvolgente, che enfatizzano i colori delle collezioni posizionate strategicamente per evidenziare le caratteristiche principali di ogni modello di collezione: uomo, donna e piccola pelletteria. Il grigio delle pareti e della pavimentazione in resina, nella sua neutrale tonalità, viene spezzato da eleganti griglie di rami in oro chiaro spazzolato e dagli arredi in velluto blu petrolio e i tappeti color pastello per dare un tocco retrò all’ambiente. Le novità per la donna puntano sulla lavorazione delle pelli, che rendono ogni modello unico ed originale. La collezione maschile invece realizza modelli in nappa, pelle martellata e introduce per la prima volta il nylon per soddisfare differenti occasioni d’uso e personalità. Un brand che produce totalmente in Italia, riuscendo a mescolare l’artigianalità tipica della pelletteria toscana l’avanguardia tecnologica utilizzata per alcune fasi di lavorazione.

DE MARQUET

/

De Marquet presenta a Milano le sue cover e sorprende con una nuovissima collezione con logo: il design presenta infatti un intreccio artistico delle lettere D e M, che forma un monogramma per la nuova sofisticata cover del marchio. Una borsa, due click, infinite variazioni: il sistema Night&Day di De Marquet  con le sue cover intercambiabili, non ha uguali a livello internazionale. Il design, la moda e la funzionalità si fondono in un singolo look dal sapore contemporaneo. In pochi secondi, le borse della collezione Night&Day si possono adattare a qualsiasi outfit e occasione. E continua la collaborazione con l’illustratore di moda newyorkese Izak Zenou che firma una limited edition “Art Cover” che celebra le donne e sostiene l’emancipazione femminile, la sorellanza e la diversità.

Articoli correlati

Articoli consigliati