Fashion

3 Brand Made in Italy da seguire

Letasca, Cancellato e Sabato Russo, 3 proposte italiane da tenere d'occhio
Reading time 4 minutes

Soprattutto per gli stranieri, Made in Italy è un concetto che è stato spesso associato a significati che incontrano il desiderio per un gusto raffinato e di autenticità. Ecco allora tre realtà dal dna tutto italiano che negli ultimi anni hanno potuto contare su personalità in grado di resistere in un settore così difficile, grazie ad uno spirito innovativo e con la capacità di creare nuove storie.

CANCELLATO

Un brand di knitwear-couture che spinge i confini della maglieria con una continua ricerca e sperimentazione tessile. Con un percorso prima al Politecnico di Milano e poi alla Parsons di New York, Diletta Cancellato sin dalla sua prima collezione si focalizza su una maglieria dalle forme e tecniche sperimentali ma senza perdere di vista la vestibilità e comfort. Un’innovazione che parte dallo stesso filo e da un approccio concettuale e ludico a una maglieria rigorosamente made in Italy. Combinando la conoscenza artigianale italiana con le tecnologie più avanzate, Diletta lavora a stretto contatto con i tecnici per trovare nuove soluzioni e creare volumi scultorei con la morbidezza della maglieria, “sculptural softness”. I capi cancellato sono taglia unica in quanto si adattano al corpo, calati e non tagliati per evitare sprechi di materiale e realizzati in Italia con filati certificati di alta qualità. La collezione cancellato Autunno Inverno 2020 gioca con la lana merino nei suoi molteplici aspetti e consistenze, dal riccio bouclé, al filato super sottile, spesso o unito ad alpaca pelosina. Un look completo in cui spiccano i capispalla invernali, come il cappotto imbottito di bouclé di lana, un’alternativa sostenibile ai piumini, reversibile, caldo, ma dal peso leggero, in 100% lana merino. E poi tutto quello che sta nel mezzo, come maglie/cardigan che devono essere incrociati e annodati, lasciando libere le interpretazioni e portando con sé movimento e un approccio fluido alla collezione, oppure pezzi soffici all’interno e lucidi all’esterno, realizzati mescolando la lana merino con la viscosa lucida riciclata.

/

LETASCA

Marchio milanese lanciato nel 2015 dall’architetto e designer Edoardo Giaroli si costruisce sul concetto di fondere funzionalità ed estetica in un capo d’abbigliamento dalla forte identità. Letasca interpreta il menswear contemporaneo con un'attitudine utilitaristica che unisce "forma e funzione”. Fusione, contaminazione, architettura, viaggio, rigore degli equilibri geometrici e creatività danno vita al progetto. Il LETASCA VEST è il gilet che ha reso il brand iconico e l’ha fatto vestire a celebrità in giro per il mondo. 10 tasche per contenere tutti gli oggetti quotidiani. Con la collezione SS20, LETASCA s’ispira a quattro codici di stile: icone, army-tech, caccia e “neo-formal” – sempre con un approccio totalmente contemporaneo e dedicato agli esploratori urbani. Come i pendolari che usano la bici per spostarsi in città, ai quali è dedicata la collaborazione con Pirelli Cycle-E, realizzata con materiali impermeabili e riflettenti. Dalla passione per il viaggio nasce la collaborazione con Bartek Kolaczkowski fotografo di Varsavia e Edoardo Giaroli, founder di Letasca.
Una sinergia immediata che ha dato vita ad un progetto che vede il viaggio in solitaria a bordo di un fuoristrada e i capi Letasca protagonisti assoluti. Un totale rispetto della #socialdistancing, il valore del "viaggiare nel proprio paese" e un equipaggiamento di capi Letasca, concepiti con una prospettiva utilitaristica, accompagnano il viaggio di Bartek attraverso il suo paese.
 Gli iconici di Letasca, come il gilet multitasca, il giubbotto o i capi packable, caratterizzati dallo stile funzionale e dalla versatilità, sono progettati tenendo conto delle esigenze degli esploratori urbani e di chiunque scelga di viaggiare leggero, costituiscono dunque l’essenziale del guardaroba del nuovo viaggio di Bartek. 

/

SABATO RUSSO

Dopo il successo di Sartorial Monk, dove ricopriva la carica di Direttore Creativo, nel 2019 Sabàto Russo confluisce ed evolve il proprio retaggio creativo nel brand omonimo, basato a Milano. Made in Italy e senza tempo, pur restando estremamente attuali e contemporanee, le sue collezioni corrispondono lo stile impeccabile e la forte personalità̀ dell’uomo e della donna per cui sono pensate.  I tessuti più raffinati e naturali sono attentamente selezionati per trasmettere un’eleganza basata su un solo principio: l’immortalità della semplicità. Un'analisi intrinseca della bellezza che ha portato il lavoro di Sabàto ad essere un assioma della sua filosofia ma senza alcuna ortodossia.  Come racconta lo stesso designer: “non voglio vestire le persone, ma potenziarle, renderle ancora più forti, nutrire la loro fame di vita e rispecchiare le loro ambizioni nel proprio ambito”. Le sue creazioni rafforzano la bellezza e la sensibilità dei clienti, completando ogni personalità individuale. Farli sentire a proprio agio e completi con se stessi dentro e fuori, mentre si costruisce un'immagine forte senza essere invasivi. 
 

 

/

Articoli correlati

Articoli consigliati