Jewellery

Una cascata di diamanti nel modello Égérie Fasi Lunari Gioielleria di Vacheron Constantin

Il giro delle ore in oro bianco è ricoperto di diamanti, come lunetta, anse, carrure e bracciale. Un’estetica che fa rientrare di diritto il Égérie Fasi Lunari Gioielleria nelle creazioni leggendarie di Vacheron Constantin.
Reading time 1 minutes

Vacheron Constantin ha vestito il polso delle signore ancor prima di quello virile. Era il 1911 quando vennero realizzati i primi segnatempo dedicati alla donna; da allora le referenze del marchio hanno definito l’orologeria femminile. La fusione con l’alta gioielleria, in particolare, ha permesso creazioni leggendarie: il Kallista del 1979, capolavoro di savoir-faire, con i suoi cinque milioni di dollari era all’epoca l’esemplare più caro del mondo. Altro grande successo il Kalla Duchesse Haute Joaillerie, la cui cassa tonneau era rivestita di diamanti. Sempre tonneau era la forma della linea Egérie di quegli anni, sfavillante di brillanti fino all’inizio di questo millennio. Oggi la collezione torna con una cifra estetica rinnovata, come con il Fasi Lunari Gioielleria. La cassa da 37mm di diametro presenta una corona di carica a ore due e anse magnificamente modellate. Caratteristiche anche le fasi luna decentrate con due satelliti in madreperla, che si alternano dietro nuvole in vetro zaffiro immerse in un cielo stellato. La plissettatura dei quadranti della collezione, nel modello Joaillerie lascia luce agli 802 diamanti di taglio tondo che avvolgono il giro delle ore in oro bianco. Tutto è ricoperto di diamanti: lunetta, anse, carrure. Cuore pulsante dell’orologio è il movimento automatico calibro 1088L, le cui finiture sartoriali sono visibili attraverso il fondello in vetro zaffiro.

Tags

Articoli correlati

Articoli consigliati