interviste

#TalkingWith Rankin

Il fotografo ripercorre la sua carriera tra moda e divi
Reading time 3 minutes

Rankin è uno di quei fotografi di cui tutti conoscono gli scatti e le immagini sono immortali: amato dai divi di Hollywood, ha avuto anche l'onore di fotografare la Regina Elisabetta. 
Founder di ben due magazine indipendenti che con la propria visione hanno contribuito a cambiare l'editoria negli ultimi 20 anni, oggi è a Milano con Rankin From Portraiture to Fashion una mostra "in continua evoluzione" ogni tot infatti cambiano le fotografie all'interno della galleria per rappresentare tematiche diverse, in questo momento visitando la in via San Vittore troverete gli scatti dedicati al mondo della moda. 
L'abbiamo incontrato per ripercorrere i momenti più significativi della sua carriera e scoprire la mostra. 

Come ha iniziato la sua carriera? 
Ho iniziato a fare foto nel 1995, ma la mia carriera è iniziata nel 1985, quando per la prima volta ho preso in mano una macchina fgotografica, ero al college e per caso ho incominciato a scattare e me ne sono innamorata. 
All'inizio era una cosa amatoriale ma nel 1988 ho deciso di farlo come lavoro. 
Il college darte per me è stato fondamentale anche come istruzione per farmi capire come si fa un magazine, ho iniziato a collaborare a quello dell'università per imparare. Nel 1991 ho lanciato Dazed&Confused, sono stati 10 anni pazzeschi, siamo cresciuti, potevamo sperimentare e creare in totale libertà. Poi ho creato Another Man e il suo sito. Oggi ho una mia agenzia

La sua visione della fotografia e del fashion system?
La fotografia è in continua evoluzione, oggi a causa dei social e della velocità stiamo perdendo l'arte di scattare qualcosa di realmente ben fatto. Questi nuovi modi di vivere la fotografia la stanno rendendo accessibile a tutti, temo che porteranno alla distruzione del business e della stessa arte. Il futuro mi fa paura, perchè nessuno sa cosa succederà, non puoi prevederlo.

Cosa pensa di Instagram? 
Instagram e il web sono stati la rivoluzione, negli ultimi 7 anni hannno cambiato il mondo. Io amo i magazine e il print, non si possono guardare gli shooting sull'iphone, la stampa è stata una fra le invenzioni più importanti della storia e deve sopravvivere. 
Bisogna ritrovare il contatto con la realtà, avere il coraggio di disconnettersi. Alcune cose m i piacciono gioco con i filtri, bitmoji mi divertono.

Qual'è la foto che ama di più e perchè?
Cambia sempre, la foto della regina Elisabetta però è stato un momento speciale. Robert Downey Jr è un uomo divertente, ogni scatto è perfetto. Madonna ovviamente è un'icona. 
La persona che amo fotografare di più resta mia moglie. 

Parliamo della mostra: che cosa vediamo?
Rankin: From Portraiture to Fashion, è la mostra alla 29 Arts in Progress di Milano fino al 24 Febbraio. Qui nell’arco di quattro mesi, il pubblico potrà assistere all’evoluzione di un progetto espositivo ideato espressamente per l’occasione: la mostra infatti si evolverà cambieranno le immagini esposte per argomenti. Adesso assiste al momento dedicato alla moda. 

I progetti futuri?
Oggi guardo alla scultura 3d come il reale futuro, mi interessa e mi appassiona. Inoltre ho una mia agenzia per il lato fotografia, sono molto impegnato, per fortuna!

Fashion e Conceptual

/

Articoli correlati

Articoli consigliati