Food

L’alta cioccolateria belga arriva a Milano con Charlotte Dusart

La Maître Chocolatier porta l’arte belga del cioccolato nella sua boutique con laboratorio e lancia una speciale capsule natalizia
Reading time 6 minutes

A Milano, al numero 47 di Via Eustachi, il laboratorio di Charlotte Dusart è in pieno fermento in vista dell’arrivo del Natale. Eleganti pacchetti di cioccolatini pronti per essere spediti in Italia e fuori confine, alberi decorati e praline rosse costellano la boutique, in attesa che gli affezionati clienti ritirino le creazioni più fragili, aspettando il proprio turno in fila ordinata davanti alla vetrina.

La giovane Maître Chocolatier Charlotte Dusart osserva i suoi collaboratori dal laboratorio vetrato, affacciata sugli scaffali ricolmi di prelibatezze. Non è difficile vederla, tra la produzione di una pralina e di una crema spalmabile, uscire per dare utili consigli ai suoi clienti (molti dei quali dall’accento francese).

Dalla passione al lavoro di Maître Chocolatier

A 32 anni la Dusart è un’imprenditrice e segue la sua passione di sempre che, grazie a molto impegno e un pizzico di fortuna, è diventata il suo lavoro. “Anche se mi sono laureata in comunicazione e ho lavorato per un’azienda di alcolici francese, ho deciso di dedicare il mio tempo libero a coltivare l'amore per il cioccolato” racconta Charlotte.

Mi immaginavo a respirare ogni giorno l’odore del cacao e così, dopo essermi diplomata Artigiano Cioccolatiere a Bruxelles, ho iniziato a lavorare da Wittamer, una cioccolateria molto famosa in Belgio. Lì ho imparato tanto e, quando mio marito ha avuto l’opportunità di trasferirsi a Milano, l’ho seguito e ho cercato lavoro nel settore, facendo esperienza al bean-to-bar di Cioccolatitaliani”.

Una nuova cioccolateria belga in via Eustachi

Ed è nell’aprile 2019, che la Dusart viene a conoscenza di un’opportunità incredibile. “Ho saputo che Cacao Lab in via Eustachi era intenzionato a cedere l’attività e così, con un vero e proprio salto nel buio, l’ho rilevato”. 

Per Charlotte è stato amore a prima vista. “Appena sono entrata mi sono subito innamorata di questo luogo e ho deciso di buttarmi. Non avevo neanche un business plan!”. Così a settembre dello scorso anno ha inaugurato ufficialmente la Cioccolateria Belga che porta il suo nome.

Per Charlotte Dusart è tutta questione di gusto

Per me è il sapore la cosa che conta, aldilà dell’estetica, che ovviamente ha il suo peso” prosegue Charlotte. È infatti la varietà di ripieni dei suoi cioccolatini che le ha permesso di conquistare molti palati fin dall’apertura. Gli stessi che, una volta sperimentate le sue combinazioni, sono poi diventati degli habitué.

Le creazioni di Charlotte Dusart rispettano la tradizione belga del cioccolato. “Mi piace lavorarlo in modo sempre diverso, non amo fare ogni giorno la stessa cosa. Sperimento ma non in modo “strano”, nel senso che non credo farò mai un cioccolato al gorgonzola. Trovo che il ripieno all’Earl Grey, che qui in Italia si vede poco ma è molto comune in Belgio, sia fantastico. A San Valentino ne abbiamo fatto uno al peperoncino che sicuramente riproporremo quest’anno e uno al pistacchio e olio di oliva. Adesso ce n’è uno buonissimo al ribes nero e uno all’amaretto, un gusto tipico italiano che alleggeriamo e arricchiamo con la nocciola” prosegue Charlotte.

Dal Belgio all’Italia, la cultura del cioccolato

La differenza più grande tra Italia e Belgio? Sicuramente la cultura del cioccolato. “Sono nata in una delle nazioni più importanti per l’arte del cioccolato, dove in ogni quartiere è presente una cioccolateria. Diciamo che i belgi stanno ai cioccolatini come gli italiani al caffè. Lo acquistano per se stessi e lo degustano. Qui a Milano, invece, è usanza donarlo agli altri, anche se ultimamente ho notato un cambio di abitudini. Sarà il momento, ma c’è veramente bisogno di una buona dose di comfort food”. Rivela la Dusart.

Secondo lei il cioccolato è la risposta a tutto. “Quando stai bene è una coccola, quando ti senti giù ti aiuta a stare meglio. Se hai bisogno di fare un regalo è sempre apprezzato. Credo proprio che sia una delle cose giuste della vita con il suo profumo inebriante

Natale e cioccolato, i regali più golosi secondo Charlotte Dusart

Mai come in questo 2020 viziare e viziarsi con del cioccolato buono e bello sarà l’imperativo del Natale. Ecco perché Charlotte Dusart ha creato la capsule collection Noël, con l’immaginario più tradizionale delle feste: alberi decorati, boules da appendere, Babbo Natale e speciali praline a tema natalizio. Ecco qui i suoi consigli per scegliere il regalo di Natale al cioccolato perfetto.

Per stupire donerei il mio albero di Natale che si può mettere a tavola e crea subito una sensazione di convivialità . Nella misura grande e media, nasconde all’interno dei mendiants al pistacchio e lampone, dolcetti fatti con dischi di cioccolata fondente e arricchiti da frutta fresca e candita”.

Per i più piccoli c’è il Babbo Natale al cioccolato al latte decorato con polvere d’argento. Anche lui contiene una piccola sorpresa: dei dragées al lampone e caramello. “I golosi cronici ameranno l’albero di Natale formato da diverse boule verdi. Ciascuna è un cioccolatino ripieno con gusti differenti: ganache all’amaretto, al Franciacorta, alla nocciola e tartufo fondente” conclude Charlotte. “I Tartufi al caramello e burro salato sono molto golosi. Li regalerei a chi vuole concedersi un peccato di gola”.

Per non sbagliare, c’è la gamma classica dei cioccolatini che, per Natale, si veste di gusti speciali. Dai Truffes al Franciacorta ideali per accompagnare un calice di bollicine durante l’aperitivo, alle praline con Ganache fondente al 71% con Zenzero Candito e quelli con le 4 spezie di Natale (noce moscata, cannella, pepe e chiodi di garofano), fino ai cremini decorati a tema natalizio.

Insomma, da Charlotte Dusart c’è l’imbarazzo della scelta per regalare e regalarvi piccoli attimi di felicità al gusto di cioccolato! 

 

Articoli correlati

Articoli consigliati