fashion

Prada Resort 2018

by L'Officiel Italia
08.05.2017
La luce filtrata dalle grandi vetrate della Galleria Vittorio Emanuele ha sfumato e illuminato la Resort Collection 2018.

Sì alla gonna plissè, purchè sia trasparente. Sì al trench annodato a evidenziare la vita, purchè la linea lasci libere le spalle. La delicatezza delle trasparenze, la femminilità dei toni pastello si scontrano con quella imponente e mascolina struttura che diventa sfondo e protagonista, insieme alle modelle in scena. Romanticismo e Belle Époque, piume e tessuti tecnici: niente di più grazioso, ma Miuccia Prada non vuole essere graziosa. Il primo look, la felpa dalle maniche ampie ed elisabettiane, abbinata al tulle della gonna e alle calze al ginocchio, ne diventa il manifesto. Una nuova Lolita che sceglie colletti bianchi e sneakers ai piedi, l'innocenza delle trecce e la sensualità del rossetto rosso, la delicatezza dell'evanescente e la forza di Prada. 

4_Prada_Resort_18.jpg
5_Prada_Resort_18.jpg
6_Prada_Resort_18.jpg
7_Prada_Resort_18.jpg
8_Prada_Resort_18.jpg
9_Prada_Resort_18.jpg
38_Prada_Resort_18.jpg
37_Prada_Resort_18.jpg
36_Prada_Resort_18.jpg
35_Prada_Resort_18.jpg
34_Prada_Resort_18.jpg
33_Prada_Resort_18.jpg
32_Prada_Resort_18.jpg
30_Prada_Resort_18.jpg
12_Prada_Resort_18.jpg
11_Prada_Resort_18.jpg
10_Prada_Resort_18.jpg
29_Prada_Resort_18.jpg
28_Prada_Resort_18.jpg
27_Prada_Resort_18.jpg
26_Prada_Resort_18.jpg
25_Prada_Resort_18.jpg
24_Prada_Resort_18.jpg
23_Prada_Resort_18.jpg
22_Prada_Resort_18.jpg
21_Prada_Resort_18.jpg
20_Prada_Resort_18.jpg
19_Prada_Resort_18.jpg
18_Prada_Resort_18.jpg
17_Prada_Resort_18.jpg
16_Prada_Resort_18.jpg
15_Prada_Resort_18.jpg
14_Prada_Resort_18.jpg
13_Prada_Resort_18.jpg
3_Prada_Resort_18.jpg
2_Prada_Resort_18.jpg
1_Prada_Resort_18.jpg

In sospeso

Miuccia Prada per portare in scena la sua collezione sceglie l'Osservatorio, il nuovo spazio espositivo di Fondazione Prada dedicato alla fotografia nella magia di Galleria Vittorio Emanuele II. 

La scenografia, realizzata da AMO, è concepita come uno scontro tra reale e artificiale che orienta lo sguardo verso la cupola, oltre le ampie vetrate. Gli ospiti hanno così una visione trasfigurata del profilo dell’architettura di Mengoni, esaltata da colonne riflettenti e traslucide. Le modelle camminano lungo le vetrate, illuminate dal sole del pomeriggio, sospese tra il cielo e la cupola in ferro decorato, che diventa muto sfondo della sfilata.

Dall’altra parte della sala la scena è decostruita e magnificata, scomposta e fantasticata. Uno specchio continuo corre lungo la parete, amplifica le proporzioni. Frammenti distorti di Galleria ed evanescenti dettagli della collezione coprono le superfici di una serie di schermi di colori riflettenti e pastello. Effimero, confuso nella sua evanescenza. 

Condividi articolo

Articoli correlati

Articoli consigliati