fashion

MISBHV AI 2017

by Francesca Milano
15.02.2017
Parola d’ordine: post-soviet. “6 Years in the Rave” è un film slavo di serie B, un inno all’underground più spinto, alle sottoculture DIY e allo spirito punk.
YULYA SHADRINSKY (1 of 1)-2.jpg
YULYA SHADRINSKY (1 of 1)-3.jpg
YULYA SHADRINSKY (1 of 1)-4.jpg
YULYA SHADRINSKY (1 of 1)-5.jpg
YULYA SHADRINSKY (1 of 1)-6.jpg
YULYA SHADRINSKY (1 of 1)-7.jpg
YULYA SHADRINSKY (1 of 1)-8.jpg
YULYA SHADRINSKY (1 of 1)-9.jpg
YULYA SHADRINSKY (1 of 1)-10.jpg
YULYA SHADRINSKY (1 of 1)-11.jpg
YULYA SHADRINSKY (1 of 1)-12.jpg
YULYA SHADRINSKY (1 of 1)-13.jpg
YULYA SHADRINSKY (1 of 1)-14.jpg

Parola d’ordine: post-soviet. 

MISBHV presenta la collezione Autunno Inverno 2017 nel contesto di un edificio abbandonato nel cuore di Manhattan, sotto la luce spietata delle lampade al neon, e ci trascina in un’atmosfera in cui la nostalgia vaporwave si fonde all’immaginario ruvido e acerbo dell’est Europa anni ’90. I palazzi alti e scarni, incasellati tra loro come un Tetris di abitacoli angusti, i rave party clandestini, la vodka che scorre a fiumi e le tute da ginnastica che arrivano dall’occidente rivivono nella moda di oggi grazie a designers come Gosha Rubchinskiy, Demna Gvasalia e, appunto, Natalia Maczek di MISBHV. 

Abbandonate le gang di motociclisti, ispirazione per la scorsa Primavera Estate, per l’AI17 il brand polacco abbraccia più che mai questa estetica, memore della caduta del muro di Berlino e delle prime contaminazioni con la cultura pop. 

L’essenza della collezione è già insita nel titolo. “6 Years in the Rave” è un film slavo di serie B, un inno all’underground più spinto, alle sottoculture DIY e allo spirito punk. Ci parla di warehouse affollate e fronti sudate, di giovani che si affacciano al nuovo millennio con animo ribelle, di uffici monotoni vittime di arredamenti démodé e di night club senza freni.

Il risultato è un mix eccentrico di proporzioni che oscillano tra le spalline maxi delle giacche da tailleur dal taglio sartoriale e le lunghezze mini delle gonne in velluto.

Il tocco glam delle camicie in seta è smorzato dall’abbinamento con piumini oversize che strizzano l’occhio allo streetwear, e richiami al mondo dello sport risuonano forti e chiari su swearshirts con zip e ampi pantaloni con bottoni laterali. Sui turtleneck attillati si stagliano slogan come “EUphoria” and “EXSTACY”, mentre gli accessori sono impregnati di gusto anni ’90.

Le mise da ufficio e i cappotti in tartan dai colori neutri entrano in collisione con track pants dal finish vinilico, esplosioni di colori accesi come il rosso e il fucsia e motivi monogram. Gli stivali over-the-knee rigorosamente a punta donano un tocco fetish a quell’allure di decadenza urban-chic che permea la collezione.

Ancora una volta MISBHV si conferma l’anello di congiunzione tra alta moda, glam e streetwear d’avanguardia. 

YULYA SHADRINSKY (43 of 580).jpg
YULYA SHADRINSKY (71 of 580).jpg
YULYA SHADRINSKY (79 of 580).jpg
YULYA SHADRINSKY (99 of 580).jpg
YULYA SHADRINSKY (119 of 580).jpg
YULYA SHADRINSKY (324 of 580).jpg
YULYA SHADRINSKY (372 of 580).jpg
YULYA SHADRINSKY (392 of 580).jpg
YULYA SHADRINSKY (402 of 580).jpg
YULYA SHADRINSKY (415 of 580).jpg
YULYA SHADRINSKY (447 of 580).jpg
YULYA SHADRINSKY (462 of 580).jpg
YULYA SHADRINSKY (506 of 580).jpg
YULYA SHADRINSKY (513 of 580).jpg
YULYA SHADRINSKY (540 of 580).jpg
YULYA SHADRINSKY (580 of 580).jpg
YULYA SHADRINSKY (123 of 580).jpg
YULYA SHADRINSKY (164 of 580).jpg
YULYA SHADRINSKY (245 of 580).jpg
YULYA SHADRINSKY (257 of 580).jpg
YULYA SHADRINSKY (293 of 580).jpg
YULYA SHADRINSKY (299 of 580).jpg
YULYA SHADRINSKY (315 of 580).jpg
YULYA SHADRINSKY (321 of 580).jpg
YULYA SHADRINSKY (207 of 580).jpg
YULYA SHADRINSKY (227 of 580).jpg
YULYA SHADRINSKY (162 of 580).jpg

Condividi articolo

Articoli correlati

Articoli consigliati