fashion

Micol Ragni AI 2017

by Arianna Chierici
19.05.2017
Enfasi su estetica hi-tech e futuristica.
AW17 _ Micol Ragni_ LOOK 19 BLUE.jpg
20_Micol Ragni_AW17_LOOK 19.jpg
19_Micol Ragni_AW17_LOOK 18.jpg
18_Micol Ragni_AW17_LOOK 17.jpg
17_Micol Ragni_AW17_LOOK 16.jpg
16_Micol Ragni_AW17_LOOK 15.jpg
15_Micol Ragni_AW17_LOOK 14.jpg
14_Micol Ragni_AW17_LOOK 13.jpg
13_Micol Ragni_AW17_LOOK 13.jpg
12_Micol Ragni_AW17_LOOK 11.jpg
11_Micol Ragni_AW17_LOOK 10.jpg
10_Micol Ragni_AW17_LOOK 9.jpg
9_Micol Ragni_AW17_LOOK 8.jpg
8_Micol Ragni_AW17_LOOK 7.jpg
7_Micol Ragni_AW17_LOOK 6.jpg
6_Micol Ragni_AW17_LOOK 5.jpg
5_Micol Ragni_AW17_LOOK 4.jpg
4_Micol Ragni_AW17_LOOK 3.jpg
3_Micol Ragni_AW17_LOOK 2.jpg
2_Micol Ragni_AW17_LOOK 1.jpg

La designer, Micol Ragni, è nata in Italia, ha studiato moda in Italia e nel Regno Unito prima di trasferirsi a Londra e lanciare la propria linea nel 2014.

L'ispirazione principale per Micol Ragni AI 17 è l'artista digitale Jon Rafman, in particolare le sue opere scultoree; i vestiti rispecchiano la distorsione del corpo come nei pezzi di Rafman. Mentre Rafman raggiunge i suoi risultati tramite manipolazioni generate da computer, Micol crea un 'oggetto' fisico e indossabile che può essere visto come punto d'incontro tra scultura e moda.

La distorsione di proporzioni e silhouette di Micol riflette la sensazione di vivere in un periodo di profonda trasformazione politica e tecnologica, spesso affrontando la sensazione di essere allungati e manipolati dalla velocità e dalla nitidezza dei cambiamenti insieme alla volontà di mantenersi e adattarsi al nuovo.

Come reazione a come la società e gli strumenti tecnologici ci fanno sentire quasi alieni alla nostra stessa natura, i vestiti sono pensati per far si che il corpo si senta protetto dall'ambiente esterno, proiettando contemporaneamente un'immagine di forza.

Instagram @micolragni

Sito micolragni.com

Condividi articolo

Articoli correlati

Articoli consigliati