ITS 2018, vince l’inglese McDonald e la sua “misura” - L'Officiel
fashion

ITS 2018, vince l’inglese McDonald e la sua “misura”

La bellezza è reale, la bellezza è qui.
Reading time 2 minutes

Its, International Talent Support, il concorso per giovani talenti nel mondo della moda e degli accessori, da 17 anni - meno uno lo scorso, quando è saltato - a Trieste è tornato e, come al solito, ha detto la sua in materia di creatività: tre premi, tra cui il principale, sono andati alla britannica Eleanor McDonald per la sua collezione maschile dal titolo: Balance and Proportion. Bella. Pantaloni a vita iper-alta tagliati perfettamente, la gamba larga, le maglie, sotto le giacche, aderenti con tagli orizzontali, tutto così minutamente proporzionato da essere eccezionale, e rispondere paradossalemente alla chiamata del 2018: Bold, Almost Incredible. Eleanor lo è, essendo semplicemente quel che è, votata al design minuzioso, al bicolore (nero e blu), a una maestria de facto che lei stessa, ritirando il premio, si è sorpresa i giudici avessero notato e apprezzato, perché priva di teatralità, messaggi più o meno velati, trasposizioni artistiche o futuristiche. E tra i giudici qualcuno confessa di averli già provati i suoi pezzi, perché - in un momento storico dove si vede di tutto, casual e oversize, sportivo e senza costrutto - quell’attenzione alla “misura” è stata una novità appagante. Lo stesso esercizio di design e proporzioni è stato apprezzato anche dalla Camera della Moda di Milano (e infatti ha vinto anche quel premio) e poi, già che si trovava, ha portato a casa anche il Tomorrow Award, che le permetterà di esporre la sua collezione al Paris Tomorrow Showroom. Anche Talu Coker, inglese di origini nigeriane, ha vinto tre premi con la sua collezione che gioca sulle identità che ci portiamo addosso e che nasce da un documentario in cui ha seguito la vita di 4 persone per un anno (negli abiti: materiali riusati, foto di famiglia stampate, tutto un mondo di rimandi e riferimenti personali da portare su di sé). A lei il Diesel Award, il Vogue Talent Special Mention e l’appena nato Its Time for Coffee Award, messo in palio da Illy e Swatch e che prevede la possibilità per la designer di fare una residenza d’artista allo Swatch Art Peace Hotel di Shanghai e sviluppare un progetto che abbraccia entrambi i brand. Annuncio della serata delle premiazioni: il prezioso archivio di portofolios e progetti raccolti da ITS nei 16 anni della sua attività avrà, finalmente, una casa: al Magazzino 26 del porto di Trieste, ristrutturato da poco. La bellezza è reale, la bellezza è lì. Dovete andarlo a vedere. 

Articoli correlati

Articoli consigliati