fashion

Dior Haute Couture PE17

"Dopo le donne, i fiori sono la più divina delle creazioni sono così delicati e affascinanti, ma devono essere curati con attenzione.”

 

 

Una prima collezione che ha il sapore fresco ed etereo di un fiore appena colto.  Maria Grazia Chiuri, direttore artistico di collezioni donna per la Maison Dior, accoglie il suo pubblico in un giardino labirintico.

Un’ ambientazione fantasmagorica che pare un sottobosco preziosissimo, il cui coperchio è una cascata di pendenti brillanti. Non si tratta però solo di una mera questione estetica. La direttrice ha voluto rappresentare metaforicamente il suo percorso all’intero della direzione di Dior, gli stessi fiori e le piante, diventano quindi immagini allergiche e punto di incontro tra la storia della Chiuri e quella di Christian Dior, il quale sosteneva " "Dopo le donne, i fiori sono la più divina delle creazioni sono così delicati e affascinanti, ma devono essere curati con attenzione.”

Una collezione che racconta il tema della memoria e del percorso e che si traduce in abiti da sera in changeant e colori polverosi come malva, blu, rosa e grigio che raccontano il trascorrere delle stagioni e della vita stessa. Tessuti romantici come pizzo, organza e tulle, per evocare un un estetica eterea e maestosa.

Dior Couture_SS17_Look 1.jpg
Dior Couture_SS17_Look 10.jpg
Dior Couture_SS17_Look 16.jpg
Dior Couture_SS17_Look 17.jpg
Dior Couture_SS17_Look 20.jpg
Dior Couture_SS17_Look 31.jpg
Dior Couture_SS17_Look 40.jpg
Dior Couture_SS17_Look 44.jpg
Dior Couture_SS17_Look 54.jpg
Dior Couture_SS17_Look 55.jpg
Dior Couture_SS17_Look 56.jpg
Dior Haute Couture SS17_Finale -® Adrien Dirand.jpg
Dior Haute Couture SS17_Group shot -® Tierney Gearon for Dior.jpg

Articoli correlati

Articoli consigliati