fashion

Borsa di paglia, la storia di un mito (a partire da Jane Birkin)

by Letizia Redaelli
15.05.2018
Se una donna fuori dagli schemi indossa qualcosa, è subito tendenza

Una borsa, un mito. La borsa di paglia è l'accessorio sempre presente nelle estati di ogni donna, anno dopo anno. Se la sua orgine è la più pratica che ci sia, ovvero quella di essere un contenitore per la spesa, la sua rivalsa come oggetto di culto la si deve, soprattutto, a una delle dive che più hanno segnato il secolo scorso: Jane Birkin. L'attice francese, così affascinante, così carismatica, tra un Je t'aime sussurrato e un giro in bicicletta, tra gli anni '60 e '70 era solita indossare questo accessorio nelle giornate più calde. Ma, attenzione, perché la vera svolta nella storia della borsa di paglia fu che non si limitava a usarla per andare in spiaggia o durante una passeggiata sul lungomare, faceva molto di più: la metteva anche per andare in città, vagando tra i vicoli di quella Parigi che l'ha amata, l'ama e l'amerà sempre.

Uno stile, quello della Birkin, tanto semplice e scanzonato quanto impeccabile: da donna francese autentica, i suoi capelli erano sempre perfettamente spettinati (lo sono tutt'ora) e spesso, i suoi look di gioventù, si riducevano nell'abbinamento di una t-shirt e di un paio di jeans. E se d'inverno la borsa era la Birkin, creata appositamente per lei da Hermès, d'estate era proprio la borsa di paglia: all'interno, tutto il mondo magico di quest'artista straordinaria. Ma se è vero che la moda passa e lo stile resta, nel corso degli anni il susseguirsi delle tendenze ha portato nuove versioni di questo oggetto di culto: dalla borsa in rafia a quella in juta, spesso arricchite da decori folk come i pon pon o le nappine colorate. Accessorio carissimo alle generazioni di donne passate, nel 2018 è più di moda che mai: non è difficile vederla al braccio di Alexa Chung e Anne Hathaway, ma anche di Lily Aldridge. Un esempio lampante di quanto l'eleganza non sia da trovare in abbarbicate sovrastrutture, ma nella forza della semplicità. 

Condividi articolo

Tags

Articoli correlati

Articoli consigliati