fashion

Calvin Klein X Andy Warhol

by Maxwell Williams, Usa
14.02.2018
Calvin Klein e Andy Warhol, emblemi di moda e arte americana, si incontrano con Raf Simons.

Lo stile di Andy Warhol era inseparabile dalla sua arte. Dal carrè biondo platino ai suoi mitici occhiali rotondi passando certamente per i suoi abiti eleganti; Warhol era l'icona del punk ball al Max's Kansas City, il celebre night club e punto di riferimento del fashion system degli anni '70 a New York. I suoi video avevano per soggetto modelli, i suoi dipinti e le sue sculture di pop art brillanti e coloratissime - la sua arte era davvero chic .

 

Oggi, a 31 anni dalla scomparsa di Warhol, il brand americano Calvin Klein sta cercando di catturare l'eleganza dell'artista. La griffe ha firmato un contratto di quattro anni con la 'Andy Warhol Foundation', dedicata alle arti visive, per avere piena libertà di manipolare le opere di Warhol fino al 2020, offrendo al direttore creativo di Calvin Klein l'esclusiva possibilità di realizzare capi con il vasto repertorio lasciato dall'artista. 

CK2.jpg

Il celebre brand capitanato da Raf Simons, il designer belga che vanta straordinarie collaborazioni con artisti del calibro di Sterling Ruby ed anche con la 'Robert Mapplethorpe Foundation', da oggi potrà vantare anche quella con Warhol.

"Le opere senza tempo di Warhol continuano a provocare e influenzare la cultura popolare", ha scritto in una email Michael Dayton Hermann, il direttone del settore licenze presso la 'Andy Warhol Foundation'. "La sua eredità ha inaugurato una nuova era di iperindividualismo, creatività illimitata e una sfida alle convenzioni tradizionali".

Infatti, la collezione primavera estate 2018 di Simons per Calvin Klein sfida tutte le convenzioni, utilizzando il ritratto di Warhol del 1971 di Dennis Hopper con un cappello da cowboy e spezzoni dal libro 'Death and Disaster' - con immagini di sedie elettriche e incidenti automobilistici - e 'Tunafish Disaster' , opera del 1963, sulle lattine di tonno contaminato. Qualcosa di morboso è presente in tutta la collezione, immersa in un'atmosfera vagamente distopica.

"Mi sono reso conto che il genio di Warhol va ben al di là degli allegri quadri di Soup di Campbell", dice Simons, che in precedenza, nel 2013, aveva già lavorato con i disegni di Warhol, quando era ancora il direttore creativo di Dior womenswear . "Ha catturato tutti i lati dell'esperienza americana, tra cui, a volte, i suoi lati più scuri. L'arte di Warhol dice più verità su questo paese di quanta ne puoi trovare in qualsiasi altra parte del mondo. "

Questo è ciò che rende il team perfetto: sia Calvin Klein che Andy Warhol affondano le loro radici nella tradizione americana. In tempi differenti, entrambi sono stati in grado di influenzare la cultura visiva e sociale dell'America. Non vediamo l'ora di scoprire la capsule!

Ecco una piccola anteprima nella gallery.

Fotografia Connor Franta

Styling Julian Antetomaso

208-211_OF_MEN_0118_CK_Connor22.jpg
Screen Shot 2018-02-13 at 3.05.19 PM.png
Screen Shot 2018-02-13 at 3.05.03 PM.png
Screen Shot 2018-02-13 at 3.04.53 PM.png
Screen Shot 2018-02-13 at 3.04.38 PM.png
Screen Shot 2018-02-13 at 3.04.27 PM.png
Screen Shot 2018-02-13 at 3.04.16 PM.png
Screen Shot 2018-02-13 at 3.03.53 PM.png

Makeup Tiffany Leigh Patton (Bernstein & Andriulli) 
Hair Tim Aylward (Atelier Management) using Oribe haircare 
Models Jabali Sandford (New York Models) and Julia Covert (Ford) 
Digital technician Sebastiano Foresi
Photo assistant Donielle Gitlin
Casting HARBINGER
Location GO Studios
Catering Better Being

Condividi articolo

Tags

Articoli correlati

Articoli consigliati