Fashion Week

La fiaba Haute Couture di Dior: tra i tarocchi e il film di Garrone

Un film fiaba diretto da Matteo Garrone e una collezione ispirata al regno dell'occulto in chiave medievale
Reading time 1 minutes
Le Château du Tarot di Matteo Garrone- Dior Haute Couture Spring-Summer 2021

Celebrando l'affascinante universo dei tarocchi a cui Monsieur Dior era tanto affezionato, la collezione haute couture primavera-estate 2021 esplora la magia simbolica e la bellezza pluralistica delle carte dei tarocchi amate da Maria Grazia Chiuri. Al centro del film Le Château du Tarot, girato nel castello toscano di Sammezzano, diretto dal regista Matteo Garrone, le creazioni virtuosistiche evocano a turno gli arcani maggiori, prova evidente che la couture rimane il territorio ultimo di sperimentazione e possibilità. La prima scena si apre con una giovane donna si fa leggere i tarocchi. Il suo volto è quello di Agnese Claisse, attrice e cantante figlia di Laura Morante, che pesca dal mazzo degli arcani maggiori la Papessa, simbolo della conoscenza segreta, della dualità tra l'universo terreno e l'universo spirituale. In particolare, l'Alta Sacerdotessa, la Giustizia e il Matto sono esaltate da un'eccellenza del savoir-faire che reinventa il sogno Dior, come la giacca Bar in velluto nero dalle curve rivisitate; incarna un nuovo atteggiamento che sfida i confini del maschile e del femminile. In un'epoca in cui ci sentiamo persi, ecco indagare quello che è il labirinto dell'anima, in questo Medioevo esoterico, fatto di pizzi, ricami, sandali da gladiatore a rete, elementi decorativi dipinti a mano, velluti dorati con i segni zodiacali e preziosi jacquard costellati da stelle brillanti. 

/
I TAROCCHI REINTEPRETATI DALL'ARTISTA PIETRO RUFFO

Tags

dior
hautecouture
2021
springsummer21

Articoli correlati

Articoli consigliati