Fashion Week

L’essenziale senza limiti di Calcaterra

Una Spring Summer 2020 eterea e delicata
Reading time 1 minutes

Una collezione intimista, in cui gli abiti abbracciano chi li indossa, per un piacere discreto, un’eleganza d’altri tempi, eppure contemporanea.

Gli abiti interagiscono con il paesaggio che li circonda, come nelle opere di Richard Long: attraverso un linguaggio primitivo, fatto di segni e simboli. Il bianco, il nero, le ombre kaki e il rosso fuoco, colori semplici e decisi, spesso per uscite monochrome, come le giacche over dal taglio maschile su abiti in seta ton sur ton o pantaloni harem. Compaiono le cinture obi da kimono ad enfatizzare la vita, accessoriando gilet senza maniche sovrapposti a bluse con piume, sempre ton sur ton. Una donna eterea, mascolina, che predilige il coprirsi piuttosto che l’ostentare. Bluse oversize, anche in paillettes accompagnate da pantaloni palazzo ampi e sandali-ballerine ultra flat. Abiti lunghi di cotone, a volte dal taglio assimmetrico e balze sulle spalle, gonne midi a ruota e camicie ottocentesche dalle maniche a palloncino, che inneggiano al New Look. Le proporzioni non delineano la silhouette, ma le accompagnano seguendone i movimenti. 

 

/

Articoli correlati

Articoli consigliati