Fashion Week

Ermenegildo Zegna e Fear of God, arriva la collezione negli store

Debutta in boutique il primo capitolo della collaborazione tra i due marchi, che hanno tratteggiato una terza via all’eleganza, tra fit impeccabile e mood rilassato
Reading time 3 minutes

Mentre la Milano Fashion Week per la Primavera-Estate 2021 procede, tra show fisici in cui tutti si muovono con la giusta cautela e appuntamenti digitali più o meno intriganti, debutta negli store la prima collezione Ermenegildo Zegna e Fear of God. Presentati a Parigi nel marzo scorso, arrivano al pubblico i capi di abbigliamento e gli accessori nati dall’incontro tra il direttore creativo del marchio biellese, Alessandro Sartori, e Jerry Lorenzo, fondatore del brand tra i simboli più efficaci della New American Luxury. Disponibili sui rispettivi siti, in una selezione di flagship store Zegna su scala mondiale, in una serie di pop-up shop tra Antonioli a Milano, Harrod’s e Selfridges a Londra, Saks Fifth Avenue a New York, Innersect a Shanghai e Boontheshop a Seul, oltre che su Farfetch, Tmall, SSENSE, End Clothing, Mr.Porter e Matchesfashion, i look rappresentano l’inizio di un dialogo di stile avviato con schiettezza dai due designer. E meritano di essere segnalati in questa tornata di collezioni dove il confine tra proposte da uomo e da donna si fa sempre più labile perché, pur trattandosi di un concept al maschile, la gran parte dei modelli funziona alla grande anche su di un corpo femminile. Senza dimenticare che per Zegna, così come per Fear of God, si tratta di un momento da ricordare, un rimescolamento di canoni estetici all’apparenza lontani, eppure capaci di incontrarsi a metà strada per tracciare una terza via all’eleganza. 

«Abbiamo mixato il tailoring impeccabile per cui Zegna è famoso nel mondo con l’attitudine a un lusso rilassato tipica di Fear of God», spiega Alessandro Sartori. «Con equilibrio, abbiamo trovato una sintesi perfetta dei nostri due modi di interpretare lo stile, dando vita a dei capi da indossare in ogni momento della giornata, in primo luogo per sentirsi bene e il più possibile liberi da modelli pre-costituiti e paradigmi di genere». Gli fa eco Jerry Lorenzo che racconta: «Con questo progetto parliamo a dei clienti Zegna, che sono in cerca di qualcosa di nuovo che ancora non hanno nel loro guardaroba, ma anche al mio pubblico, molto curioso di sperimentare un completo confezionato a regola d’arte, facendolo comunque sentire fedele all’immagine che ha di sé».

/

Il set up di Ermenegildo Zegna e Fear of God

/

Articoli correlati

Articoli consigliati