Fashion Week

Dries Van Noten e la realtà aumentata

La collezione Primavera-Estate 2021 è stata presenta con uno short film girato tra uno studio di Amsterdam e una spiaggia di Rotterdam; uno scenario in cui si è catturati dalla purezza delle nuvole bianche che attraversano elegantemente il cielo azzurro e limpido.
Reading time 2 minutes
Dries Van Noten Spring Summer 2021 - Video by Viviane Sassen

Una primavera molto virtuale per Dries. La collezione Primavera-Estate 2021 è stata presenta con uno short film girato tra uno studio di Amsterdam e una spiaggia di Rotterdam. Grazie alla visione dell’artista e fotografa olandese Viviane Sassen il risultato è un cortometraggio all’insegna del minimalismo suggestivo, dove e moda e colore fanno da padroni.

Fonte d’ispirazione di Van Noten sono le opere del regista-artista neozelandese Len Lye, anticipatore, grazie a una serie di progetti visionari filmati tra il 1920 e il 1940, della corrente psichedelica. Figura pionieristica dell'avanguardia del dopoguerra, amico e socio di Man Ray, tra gli altri, Lye è autore di opere diverse e per lo più sconosciute;  quello che colpisce, in particolare, è l’attenzione maniacale per il movimento. “Abbiamo trovato super interessante che Lye abbia dipinto direttamente su pellicola, graffiato, fatto piccoli stencil – incredibile”, dichiara il designer.

Prende vita  una collezione all’insegna dell’audacia e dell’ottimismo che mira a catturare il movimento tramite capi sculturali  e luminosi. Sebbene l’intenzione primaria fosse quella di semplificare ed essere diretti, non è difficile accorgersi che in realtà la semplicità è solo apparente e per lo più ingannevole. "C'è la complessità delle stampe, tratte dai fotogrammi di Len Lye, che continuano attraverso i capi, dalle gonne alle giacche, sopra i risvolti, in modo che sembri davvero che l'immagine sia proiettata sul tessuto, che non sia solo materiale a righe in primo luogo” spiega Van Noten. Delle righe si fa infatti un uso pittorico, l’impressione è che queste vengano dipinte con il pennello direttamente sui capi. I tessuti che prevalgono sono il cotone, l’organza ed il tulle che conferisce alla collezione uno stampo couture. Del resto Van Noten è un maestro nel fondere l’abito utilitaristico con i volumi elevati e le costruzioni tipiche dell’alta moda. Prepotenti giochi di luce,  a soluzioni monocromatiche di arancio, rosa, oro metallizzato e argento si mischiano tinte pastello che richiamano le sfumature del cielo; il risultato è un arcobaleno psichedelico intriso di emotività.

 

Articoli correlati

Articoli consigliati