Fashion Week

Il racconto crepuscolare di Dior

Nella sede di avenue Montaigne, ripensata da Penny Slinger, Maria Grazia Chiuri immagina una fiaba notturna e si interroga sul valore della moda, partendo dalle riflessioni dell'architetto Bernard Rudofsky. Ma il cuore della stagione resta uno solo: «Ho pensato all'abito come a una casa del corpo femminile», ha detto la designer insignita anche della Légion d'honneur

Articoli consigliati