Fashion Week

Craig Green AI18

by Giovanna Chiades
17.01.2017
Anno dopo anno, la sua visione concettuale si fa sempre più riconoscibile senza mai scivolare nel prevedibile o nel banale.

Compatti e diligenti, i soldati del plotone di Craig Green sfilano con instancabile fierezza. Gli outfit che porta in passerella quest’anno, sono fedeli all’estetica decisa del designer londinese: la stratificazione, talvolta l’eccesso di tessuto e la visione dell’abito come una corazza che protegge e isola al contempo.

Il confine tra funzionalità e pura estetica si fa labile, in un crescendo di volumi che rendono l’intera sfilata un momento quasi teatrale.

Dal piumino imbottito con la fascia arricciata a contrasto alle lane dalla fantasia bouclè che diventano uniformi stette in vita da cinture tubolari, alle armature in tessuto damascato. Il capo quasi sempre coperto dai cappelli o dai cappucci.

Anno dopo anno, la sua visione concettuale si fa sempre più riconoscibile senza mai scivolare nel prevedibile o nel banale.

_arc0634_jpg_6761_north_1382x_black.jpg
_arc0768_jpg_5926_north_1382x_black.jpg
_arc0536_jpg_9093_north_1382x_black.jpg
_arc0560_jpg_6630_north_1382x_black.jpg
_arc0512_jpg_9088_north_1382x_black.jpg
_arc0736_jpg_2140_north_1382x_black.jpg
_arc0172_jpg_6115_north_1382x_black.jpg
_arc0452_jpg_5486_north_1382x_black.jpg

Condividi articolo

Articoli correlati

Articoli consigliati