Eventi

La trentacinquesima edizione del Festival di Hyères

Il festival internazionale di moda, fotografia e accessori di moda di Hyères, supportato da Mercedes-Benz e Fashion Open Studio: insieme per promuovere una maggiore ecosostenibilità nel settore della moda
Reading time 4 minutes

Si è conclusa oggi, con la proclamazione dei vincitori, la 35° edizione del festival internazionale di moda, fotografia e accessori di moda di Hyères, il concorso per giovani talenti più longevo all'interno della fashion community. Mercedes-Benz e Fashion Open Studio (FOS), organizzazione mondiale non profit e impegnata per un'industria del lusso più sostenibile, hanno collaborato per sostenere la nuova generazione di designer, lanciando un programma digitale in mteria di ecosostenibilità. Una giuria d'eccezione composta da Jonathan Anderson, Tim Blanks, Derek Blasberg, Benjamin Bruno, Olivier Gabet, Michel Gaubert, Kaia Gerber, Amanda Harlech, Olivier Lalanne, Tyler Mitchell, Ronnie Cooke Newhouse, Arnaud Valois, Christoph Rumpf

/

I vincitori del festival di Hyères

Tom Van Der Borght, designer belga,  è il vincitore del Grand Prix du Jury Première Vision e del Public prize - City of Hyères, oltre il premio in denaro, sarà invitato a presentare la propria collezione in una sfilata stand-alone in occasione della settimana della moda autunno/inverno 2021 di Mercedes-Benz che si terrà a Berlino dal 18 al 20 gennaio 2021. Per la categoria Fashion il Chloé Prize è stato assegnato a Marvin M'ToumoThe Chanel Métiers d'Art 19M e il Mercedes-Benz Grant a Emma Bruschi. Nella categoria Photography, invece, Guanyu Xu ha vinto il Grand prixAndras Ladocsi l'American Vintage priceDustin Thierry il Public prize - City of Hyères Stefanie Moshammer il Wallpaper Grant. Infine, per la categoria Accessories il Grand Prix e l'Hermès price sono stati assegnati a Ddiddue & Juana Etchberry, l'Honourable mention per  Antonin Mongin, Dimitri Zephir & Florian Dach e il  Public prize - City of Hyères a Oubadah Nouktah.

 

/

Il programma di mentoring digitale in ecosostenibilità

Il programma di mentoring digitale lanciato da Mercedes-Benz e Fashion Open Studio per tutti i finalisti in gara nella categoria moda, ha visto come  protagonista Orsola de Castro, Creative Director di Fashion Open Studio, che ha condiviso la sua conoscenza delle principali pratiche improntate alla sostenibilità. Una parte del programma prevedeva che ai finalisti fosse chiesto di selezionare un look dalla loro collezione finale che meglio integrasse le conoscenze ecologiche acquisite. Mercedes-Benz e Fashion Open Studios hanno riconosciuto Emma Bruschi come stilista che meglio ha integrato pratiche responsabili nel proprio lavoro, invitandola a partecipare nel 2021 a una delle prossime iniziative di Mercedes-Benz Fashion. "Fashion Open Studio apprezza l'impegno di Mercedes-Benz nel supportare giovani stilisti di talento. Mi è piaciuto molto lavorare con i finalisti del festival di Hyères. Quasi tutti i giovani stilisti vogliono che l'etica, la sostenibilità e le procedure che ne derivano diventino parte dei loro processi creativi, ma spesso non sanno come fare. A volte basta un consiglio o un incoraggiamento per scatenare la creatività e aprire le porte all'innovazione", ha raccontato Orsola de Castro.

/

Articoli correlati

Articoli consigliati