Design

Il Naturalis Biodiversity Center di Iris van Herpen e Neutelings Riedijk

Nel cuore dell’Olanda apre una nuova istituzione con 9 padiglioni espositivi, strutture di ricerca, laboratori e milioni di oggetti di collezionisti di storia naturale.
Reading time 1 minutes

Apre il 31 Agosto inaugura il centro sulla ricerca di biodiversità a Leida. Una struttura nata dalla collaborazione sinergica della fashion designer olandese Iris van Herpen e l’architetto Neutelings Riedijk. Il nuovo Naturalis Biodiversity Center offre una collezione di quarantadue milioni di oggetti storici naturali, 9 padiglioni espositivi e nuove strutture di ricerca e laboratori connessi, un vero e proprio capolavoro per il progresso. La visionaria Iris van Herpen utilizza la tecnologia e la scienza in ambito moda e il suo approccio al design viene spesso collegato all’architettura. Tra i riferimenti per la struttura: il DNA di Naturalis, le composizioni dei fossili e il fenomeno dell’erosione. L’intero museo è circondato da un nastro che drappeggia l’architettura di Riedijk per la lunghezza di un chilometro, con diverse texture biomorfiche e un’arteria che pulsa per tutta la sua superficie.

“La straordinaria collezione Naturalis e l'infinita libertà delle forme congelate che ho trovato nell'archivio, mi ha ispirato ad esplorare il trasporto del tempo nella danza in continua evoluzione della natura. I dettagli dell'erosione all'interno delle rocce, ri-sculturati dall'acqua attraverso i secoli e l'eternamente misterioso e misterioso, la bellezza dei fossili mi ha spinto a drappeggiare e piegare con la pietra invece che con la seta. Modelli biomorfici tridimensionali intrecciano l'interno e l'esterno di Naturalis, come l'archeologia di un vestito."  Iris van Herpen

Tags

Articoli correlati

Articoli consigliati