arte

Vanessa Beecroft - Polaroids 1993.2016

L’artista, famosa per le sue performance innovative e per il suo approccio poco convenzionale, espone una raccolta di rare polaroid, da qui il nome della mostra, e di sculture.
vb.merida.004.fs_.pol_.jpg
vb72.015.vb_.pol_.jpg
vb72b.001.fs_.pol_.jpg
vb72b.010.fs_.pol_.jpg
vb74.039.vb_.pol_.jpg
vb74.187.vb_.pol_.jpg
vb74.203.vb_.pol_.jpg

La prima edizione del Photo Vogue Festival affronta l’importanza dello sguardo femminile, e sottolinea questa scelta esponendo a Palazzo Reale, negli Appartamenti del Principe, una mostra monografica di Vanessa Beecroft. Polaroids 1993.2016 è il titolo.

L’artista, famosa per le sue performance innovative e per il suo approccio poco convenzionale, espone una raccolta di rare polaroid, da qui il nome della mostra, e di sculture.

L’esposizione riflette su alcuni temi molto cari a Vanessa Beecroft: lo sguardo, il desiderio e l’alienazione, indagando la questione del corpo femminile attraverso i dettagli delle sue sofisticate performance. Le polaroid, dalle dimensioni ingrandite, oltre a queste tematiche, impongono una riflessione sulla perdita del connotato fisico, tangibile nell’era digitale odierna. Questo genere di fotografie, dalla natura unica e irripetibile, sono forse più di qualunque altro tipo di immagine, assenza di fisicità, oggetto per antonomasia che ristabilisce il rapporto tra l’arte e gli occhi dello spettatore.

Articoli correlati

Articoli consigliati