arte

Oliviero Toscani e la fotografia senza categorie

by Federico Sargentone
07.02.2017
Moda, Arte, Cultura visiva. Oliviero Toscani spazia in ogni categoria.

Moda, Arte, Cultura visiva. È difficile, se non praticamente impossibile, inquadrare il lavoro e la ricerca di Oliviero Toscani all’interno di categorie standard. Per definizione, Toscani è un fotografo. Uno di quelli che indaga il soggetto, evitando sterili rappresentazioni, approfondendo la materia con approccio psicanalitico, attraverso la costruzione di immaginari raffinati ma allo stesso tempo attinenti alla cultura popolare, di facile digestione.

Proprio per questo il suo lavoro è stato protagonista di campagne pubblicitarie per brand di moda, design e cultura in generale. Ovviamente, l’utilizzo della fotografia di Toscani in ambienti commerciali non ne elimina il potenziale espressivo, anzi lo aumenta, lo amplifica, lo porta al più alto livello di comprensione.

Iconici i suoi ritratti di Monica Bellucci, Mick Jagger, Lou Reed, Carmelo Bene e Federico Fellini, ritratti che saranno in mostra alla Whitelight Art Gallery di Milano, insieme alle opere più importanti che hanno segnato la carriera dell’artista, come “Bacio tra prete e suora”, i “Tre Cuori White/Black/Yellow”, la serie “No-Anorexia “.

Sarà inoltre possibile diventare i soggetti di un’opera di Toscani, iniziativa che rientra nel progetto Razza Umana, con cui il fotografo indaga le differenze della collettività. Questo speciale shooting fotografico si terrà il 15 Febbraio, dalle 14 alle 22, presso la galleria.

 

Oliviero Toscani: Più di 50 anni di magnifici fallimenti, a cura di Nicolas Ballario, è una mostra che celebra la spettacolare carriera del fotografo. Verrà presentata dal 16 Febbraio al 28 Aprile 2017, alla Whitelight Art Gallery – all’interno del workspace Copernico Milano Centrale.

Condividi articolo

Articoli correlati

Articoli consigliati