Hommes

Ludovico Girardello

19 anni, il primo ruolo da protagonista con “Il ragazzo invisibile” di Gabriele Salvatores. In futuro la musica con la sua band Wudoo Records. La felicità? È legata all’anima
Reading time 6 minutes
Giubbino di pelle Kenzo e pantaloni di lana Saint Laurent by Anthony Vaccarello

Foto Dario Salamone
Styling Alessandra Faja

«Non farei un cinepanettone nemmeno se vivessi sotto un ponte e stessi morendo di fame». Ludovico Girardello ha le idee chiare sul cinema italiano: «Dovrebbero sparire dalla faccia della terra anche tutte le commedie scontate e banali. “Il capitale umano”: quello sì che è un film». 
Lo dice con un sorriso ironico e ne ha tutto il diritto, visto che nel suo primo ruolo da protagonista è stato diretto da un premio Oscar. Gabriele Salvatores l’ha scelto tra migliaia di adolescenti e numerosi provini per la storia di un supereroe: “Il ragazzo invisibile”. Oggi, a diciannove anni, Ludovico sembra non avere dubbi sul suo percorso: «Vorrei fare quello che mi piace con la massima libertà», come gli ha insegnato il padre: «Non mi ha mai preso da parte per farmi grandi discorsi, l’ho capito guardandolo. Quando fai arte non devi avere censure. È questo che mi ha trasmesso fin da piccolo». È una frase chiave, che l’ha spinto a sperimentare ambiti diversi: dalla recitazione al disegno, fino alla musica, con un gruppo nato da poco e pronto a debuttare. «Si chiama Wudoo Records, facciamo rap e abbiamo un progetto in uscita per questa estate», dice Girardello, che compone per necessità: quella di raccontare storie. «Lo storytelling è la scrittura che preferisco e, facendo l’attore, mi viene facile descrivere un personaggio. Mi piacciono i testi che hanno una trama composta da un inizio e una fine». Tra le rime ci sono molte citazioni letterarie e filosofiche, inattese da chi il Novecento non l’ha nemmeno sfiorato. Ludovico è nato nel 2000 a Vittorio Veneto ed è cresciuto in una famiglia numerosa: due sorelle attrici, un fratello laureato in storia del cinema e due genitori nel mondo dell’arte: «Mio padre scrive, dipinge e mi ha sempre portato al cinema. Mia madre a teatro». Un’infanzia immersa nelle storie: «Quello che vedi da piccolo ha un impatto molto più forte rispetto ai film che vedi da grande. Il talento è qualcosa che nasce presto. Già dall’asilo si può intuire se un bambino ha un’attitudine, che però si sviluppa solo se l’ambiente e le persone intorno a lui lo incoraggiano», dice Ludovico: «I bambini imparano dagli altri e li prendono come esempio. Se mia sorella lavorasse alla Nasa e mio fratello facesse il chimico, non so se sarei finito a recitare». 

1552406279876757 ludovico girardello dario salamone francesca lancini lofficiel 02
Camicia di nappa Neil Barrett, pantaloni di pelle Berluti e stivaletti Saint Laurent by Anthony Vaccarello
1552406294772233 ludovico girardello dario salamone francesca lancini lofficiel 03
Gilet di tessuto tecnico Lanvin, pantaloni in fresco di lana Neil Barrett e bracciale Stella McCartney

L’esordio con Salvatores gli ha cambiato la vita: «Andavo in seconda media ed ero il tipico sfigato preso di mira da tutti. Dopo quel film l’atteggiamento degli altri è cambiato e non mi è piaciuto per niente, ma ho capito che ero entrato in quel mondo che prima vedevo solo da lontano, dove un po’ ti amano e un po’ ti odiano. È stato uno shock, ma anche esaltante». Basta dare uno sguardo a Instagram per capire quanti account sono stati aperti con il suo nome: «Sono contento perché significa che quello che faccio è apprezzato, visto che il mio lavoro è comunicare. Anche se non seguo le regole: posto le foto quando mi va, non sono per niente strategico». Si impegna però a veicolare dei messaggi su temi che gli interessano: «Cerco di far aprire gli occhi alle persone su alcuni problemi. Sono molto legato alla natura e all’ambiente. Mi si spezza il cuore nel vedere chi non se ne prende cura. Tempo fa si pensava che nel 2019 ci sarebbero state le macchine volanti e un pianeta migliore, invece abbiamo sempre più isole di rifiuti in mezzo agli oceani» continua Ludovico, «per me è assurdo vedere qualcuno come Fedez, che è seguito da milioni di persone, e che sceglie di festeggiare il compleanno giocando con il cibo quando c’è gente che muore di fame». 

1552406364516574 ludovico girardello dario salamone francesca lancini lofficiel 05
Completo con giacca monopetto di lana Saint Laurent by Anthony Vaccarello
1552406381268529 ludovico girardello dario salamone francesca lancini lofficiel 04

Internet e i social sono mondi dai quali prende distanza: «Il telefono ti permette di connetterti con l’altra parte del mondo, ma ti distanzia dalle cose che ti sono vicine. Invece di cazzeggiare tutto il pomeriggio, a volte sarebbe meglio lasciarlo a casa e uscire a fare una passeggiata, respirare aria fresca».  La vita da studente e quella di attore non sono facili da coniugare: «Sono stato bocciato due volte, quindi ora sono in quarta superiore. L’organizzazione di tutto è difficile, però se si comincia già dall’età della scuola a capire cosa si vuol fare da grandi è positivo, perché si ha una direzione, anche se si fa più fatica degli altri». Ludovico ha dovuto rinunciare a vari progetti per riuscire a portare avanti lo studio, anche se non è mancata la partecipazione a “Capri-Revolution” di Mario Martone e “Il ragazzo invisibile - Seconda generazione” (sequel del primo). «Salvatores è stato uno dei miei tanti mentori e mi ha insegnato ad avere il coraggio di fare le cose a modo mio», ammette. Alcuni dicono che sia la strada giusta verso la felicità: «Credo che quella sia legata all’animo della persona. Se hai un animo semplice la troverai nelle piccole cose, se l’ego è ambizioso la troverai in cose più grandi di te». Ludovico apprezza ogni minuto che trascorre con i suoi amici e la vita fuori dai grandi centri, in mezzo alla natura: «Il buongiorno di uno sconosciuto ti può svoltare la giornata», dice, sorridendo. E prosegue: «Quando finirò il liceo andrò a fare un bel viaggio, voglio vedere posti nuovi e incontrare persone nuove», il Giappone è una delle mete, «perché ha una cultura molto diversa dalla nostra. L’università è sicuramente l’ultimo dei miei pensieri». Anticonformista, provocatore, è difficile rinchiuderlo in una definizione, Ludovico non è né ambizioso né vanitoso: «Mi vesto male, metto pantaloni mezzi rotti e felpe larghe. Forse è per questo che mi seguono su Instagram», dice, ridendo. Gli piace fare spettacoli per bambini: «Gli attori importanti dicono che sono più facili, invece sono più impegnativi rispetto a quelli classici, ma è bello lavorare sulla maschera e sul corpo per accentuare la recitazione. A me basta poco per essere felice: uno spettacolo, un pomeriggio a disegnare, a scrivere», dice, fermandosi a pensare: «Anche adesso, mentre parliamo, sono molto allegro. Mi metto nella categoria di chi ha l’animo semplice». 

Capelli: Massimo Gamba - Atomo
Grooming: Angela Montorfano
Assistente fotografo: Giulia Bergamasco
Assistente stylist: Marco Venè
Si ringrazia Giulia Achenza per la location

Articoli correlati

Articoli consigliati