Fashion

#newdesigner Studio Sarta

Palermo, capitale della cultura 2018, si riscopre fucina di talenti artigiani.
Reading time 2 minutes

L'attenzione ai dettagli, ai materiali e ai colori sono le caratteristiche essenziali nel Dna di Sarta, brand sicialiano specializzato in borse. Con Palermo nel cuore e alla spalle la volontà di salvaguardare la storia artigiana, Sarta realizza dal 2017 creazioni uniche e senza tempo - rigorosamente made in Italy - perfette per completare, con stile e semplicità, ogni outfit. Abbiamo fatto qualche domanda alla stilista per scoprire qualcosa di più sul suo mondo.

LOI:Dove trovi l'ispirazione per la realizzazione delle tue borse?
S.:Più che di ispirazione si è trattato di ricerca e riflessione sull'attualità permanente di alcuni materiali tradizionali. Da questa ricerca è nato l’incontro fortunato con la paglia di Vienna, che al momento è il punto di riferimento visivo e tattile di tutto il progetto. La riflessione si è poi mescolata con architettura e design e, dopo una breve parentesi nel mondo degli arredi, Studiosarta ha deciso di combinare il più tradizionale degli intrecci con la pelle conciata al vegetale, disegnando una linea di borse. Dettagli, ricerca e innovazione sono stati messi al servizio di un’unica ambizione: la semplicità.

LOI:Quanto Palermo e la Sicilia contano nella creazione delle vostre borse?
S.:L’ispirazione nasce in realtà da un altro mondo, quello del design di epoca vittoriana e poi del Movimento Moderno. La Sicilia e l’utilizzo della paglia legata alla sua tradizione hanno solo una connessione umorale con il progetto, che cerca di restituirne alcune suggestioni. Oltre a rappresentare, con Palermo, la base operativa e produttiva.

LOI:L’artigianato conta ancora ma è in crisi, come vedete il futuro degli artigiani?
S.:Credo che stia rinascendo una nuova sensibilità rispetto al sapere artigiano, di cui noi italiani eravamo diventati poco consapevoli e che invece all’estero ci hanno sempre riconosciuto come unicità. Sarebbe bello riacquisire questa consapevolezza, tessere delle reti locali, individuare le eccellenze e ricreare piccoli poli produttivi così come accadeva una volta. Magari anche attraverso gli attuali mezzi a nostra disposizione, capaci di mettere in contatto anche la più piccola bottega con il mondo intero.

LOI:Progetti per il futuro?
S.:Lavorare sulle potenzialità di nuovi materiali, tessuti e pellami.

/

Articoli correlati

Articoli consigliati