hommes

iXoost

L'azienda modenese produce gli speakers più belli e raffinati che ogni appassionato di motori possa desiderare
Reading time 2 minutes

Tutto il mondo è, da sempre, affascinato dalle supercar italiane. Se da un lato ciò che colpisce chi le ammira è il loro design di queste macchine, frutto di un’estetica raffinata e funzionale, dall’altro ciò che impatta più violentemente con la loro parte emozionale, è sicuramente il sound che queste vetture sono in grado di emettere a ogni regime.

A Modena, terra di comprovata qualità per i motori, le auto e non solo, ha sede iXoost – a pochi passi dalle sedi di Maserati, Ferrari, Pagani e Lamborghini. iXoost costruisce, interamente a mano, delle docking station che sono la sintesi più elevata dell’unione tra componentistica audio di elevata qualità con dei veri collettori di scarico realizzati per auto da corsa, fuoriserie e Formula 1. L’idea nasce dalla mente di Matteo Panini, da sempre appassionato di motori e orgoglioso della sua terra natia, mentre il design del prodotto è frutto di Mirco Pecorari, che viene dal mondo degli aerei.

Gli speakers iXoost sono assemblati interamente a mano e sono personalizzabili secondo le specifiche del cliente. I materiali sono gli stessi utilizzati in campo automobilistico e aeronautico.

La gamma è varia: c’è Xilo, collegabile a qualsiasi smartphone anche senza l’ausilio di cavi – anche nelle versioni speciali Cars&Coffee, Gold, Pershing, Scuderia; c’è Radial6 (a nostro avviso il più bello, ndr) che prende spunto dai motori radiali degli aerei; c’è Otto, realizzato per iPod/iPhone partendo dallo scarico di un V8 o un V10 di Formula 1 – anche in versione Gold e Pershing; c’è V8 Engine, in cui gli altoparlanti sostituiscono gli alloggiamenti dei cilindri sulla testata; infine EsaVox – realizzato in collaborazione con Lamborghini – che è sviluppato attorno al vero terminale di scarico della Aventador, da cui prende in prestito anche il pulsante d’accensione simile ai pulsanti dei caccia da combattimento ed è in grado di erogare 900 watt complessivi.

Nella sfida impossibile di unire il suono alla meccanica, l’oggetto simbolo di ogni vettura da corsa, forse quello più infernale, continuerà a vibrare sulle note delle vostre colonne sonore preferite, nel vostro soggiorno.

www.ixoost.it

 

Articoli correlati

Articoli consigliati