Fashion Week

#rewiringfashion l'iniziativa per cambiare il ritmo della moda

Diventa virale l'iniziativa di BOF per cambiare il corso delle fashion week, con attenzione a stagionalità, sostenibilità e sfide del futuro
Reading time 2 minutes
Uno scatto della campagna Spring Summer 2020 di Missoni con Bella Hadid

In questi giorni in rete è partito il lancio di rewiringfashion.org una proposta collettiva per il sistema globale della moda da ristrutturare: dal calendario - attraverso i formati degli show, delle presentazioni, fino al come proporre la vendita nei negozi. Più di 60 designer, brand, dirigenti e store si sono uniti come firmatari dell'iniziativa, che è stata facilitata dal magazine britannico The Business of Fashion (BoF).

Ad oggi, questi includono per lo più griffe indipendenti come: 3.1 Phillip Lim, A-COLD-WALL *, Altuzarra, Ami, Amiri, Anya Hindmarch, Christopher Kane, Connolly, Coperni, Craig Green, Dundas, Emilia Wickstead, Erdem, Fear of God, FRAME, Gabriela Hearst, Haider Ackermann, Isabel Marant, Lane Crawford, Mary Katrantzou, Missoni, Neil Barrett, Oscar de la Renta, Prabal Gurung, Proenza Schouler, Rag & Bone, Rodarte, Roksanda, Selfridges, Maria Cornejo e molti altri. La proposta chiede un cambiamento radicale e radicale in un'industria piena di sfide sistemiche e ora paralizzata dalla crisi COVID-19.

Un piano d'azione è stato definito in tre fasi iniziali: rispondere alla necessità di rivedere l'attuale calendario della moda, che non è sincronizzato con il mercato di oggi; affrontare la convinzione che il formato delle sfilate di moda sia superato; e come affrontare la convinzione che i rivenditori di moda debbano interrompere la loro dipendenza dagli sconti.  L'annuncio è un appello all'industria della moda, una chiamata a raccolta per unirsi alla discussione e ad aumentare la consapevolezza attraverso l'hashtag #rewiringfashion .

Sui social media è partita la campagna per la discussione sulle tematiche più importanti che riguardano il futuro della moda. Un punto di partenza per una conversazione con i leader internazionali che guidano il settore, tra cui le organizzazioni delle Camere Nazionali della Moda, i marchi e i gruppi conglomerati. Le conversazioni tra il gruppo continueranno al fine di affrontare altre sfide del settore, tra cui la sostenibilità e le difficoltà finanziarie.

L'iniziativa segue a ruota il manifesto online firmato da Dries Van Noten qualche giorno fa, gli appelli del CFDA (il consiglio dei designer americani), del British Fashion Council (il consiglio dei designer inglesi) , le dichiarazioni di Giorgio Armani, Saint Laurent, Balmain e in ultimo Alessandro Michele per Gucci.

Tags

Articoli correlati

Articoli consigliati