Fashion Week

Day 4 Milano Fashion Week GCDS e Philpp Plein

Dal racconto di una notte a Napoli di Giuliano Calza all'evento di Philipp Plein
Reading time 3 minutes

GCDS

Per la collezione Fall Winter 2020 di GCDS Giuliano Calza ritorna alle sue origine. Vico Stella 10 a Napoli è la strada in cui è nato il giovane designer napoletano: "Non mi sono mai sentito a casa ovunque vivessi, ma il mio retaggio mi ha dato la sensazione di non aver mai lasciato casa, ovunque mi trovassi a lavorare." ha spiegato. Per lui: "È essenziale possedere ciò che ci rende unici, perchè nessun altro condivide la tua stessa ricetta di ingredienti." da questa riflessione Calza ha iniziato la sua ricerca per la nuova collezione, presentando un mondo sorretto da unicità e divertimento ricco di riferimenti e varietà stilistiche. C'è una ricerca dei volumi anni '80 e '90 per la collezione donna l'ispirazione principale è l'estetica vintage della MTV generation mentre per quella maschile l'attitude è più streetwear. I cristalli Preciosa arricchiscono gli abiti il knitwear e gli accessori, tra cui la prima linea di occhiali firmati in co-lab con Marcolin Group. Leader delle partnership, GCDS ha stretto altre due collaborazioni con SSC (Società Sportiva Calcio Napoli) e Bialetti celebrando il caffè napoletano fatto con la moka, un oggetto iconico (nonchè l'invito ufficiale per lo show) che tutti gli italiani possiedono. Una collezione senza precenti che trasporta tutti nel magico mondo di Giuliano Calza.

/
/

Philipp Plein 

Per la Fall Winter 2020 Philipp Plein ci porta direttamente al nel suo garage. Elicotteri, jet privati, una barca offshore e le sue Jeep gold che sono state avvistate per tutta Milano durante la fashion week. "No limits" è il titolo dello show che viene ripreso dalla fragranza a forma di carta di credito senza limiti firmata PP. Al grande evento c'erano tutti dall'iconica fotografa Ellen Von Unwerth, a Jada Pinkett Smith, tra influencer e modelli e star anche Cameron Dallas e Maye Musk. La collezione la messa in scena di una visione futuristica che passa attraverso il disco-glamour dello Studio 54. Animalier leopardato ovunque, su giacche, abiti, ninigonne e collant. Ricami e le applicazioni sono ben studiati, con croci e serpenti in pietre preziose che arricchiscono gli abiti con paillettes e le borse in pelle esotica; una collezione piena di dettagli unici, choker, orecchini singoli oversize e catene legate intorno al collo degli uomini o inserite nelle scarpe da ginnastica. Con una live performance del rapper statunitense Tyga, Missy Elliot e un DJ set di Timbaland all’afterparty, Philipp Plein dimostra ancora una volta di essere l'uomo con il magico tocco di un Re Mida. A fine sfilata l'uscita di Philipp Plein ha reso omaggio alla leggenda del basket Kobe Bryant con una limited edition di magliette Lakers con il numero 24. 

 

Articoli correlati

Articoli consigliati