diary

NABA al Terraforma Festival con ZOO

Il festival Terraforma vede in programma un'installazione audiovisiva dal titolo Zoo, realizzata dagli studenti della NABA Nuova Accademia di Belle Arti di Milano e dell'Accademia di Belle Arti G. Carrara di Bergamo sotto la direzione, rispettivamente, degli artisti/insegnanti Yuri Ancarani e Riccardo Benassi.

Situato dentro il parco di Villa Arconati,  è un weekend di musica nel verde, con architetture sostenibili in legno, labirinti di siepi e bella gente internazionale. In questo contesto si colloca l'installazione realizzata dagli studenti ispirata al concetto di terraformazione, che è anche alla base del festival Questo progetto è un lavoro corale composto da un schermo con un loop di sette video e una piramide di casse mono. A partire dalla riflessione sul tema di Terraforma, gli studenti Naba si sono introdotti all'interno di luoghi in cui animali ed essere viventi si trovano costretti a convivere. Realtà spesso inospitali che si trasformano in nuovi habitat inusuali, ambienti surreali ed estremi che risentono dell'influenza costringente dell'essere umano e del suo desiderio di "terraformazione" dell'ambiente artificiale.

 

"L'idea di diffondere il suono attraverso il DUB ci è piaciuta sin da subito," ha detto Riccardo Benassi. "Abbiamo deciso di cortocircuitarne la funzione: da un sistema di diffusione sonora nato per inscenare battaglie tra musicisti e MC lo abbiamo trasformato in un veicolo per una comunione d'intenti. Per gli studenti, infatti, la sfida è stata quella di lavorare tutti insieme ad un’unica soundtrack. Ognuno ha messo a disposizione le proprie competenze tecniche e stilistiche in favore di un risultato comune, ottimizzando sia la flessibilità del proprio ego, sia i limiti imposti dal genere musicale da cui ognuno di loro proviene," ha continuato. "Ognuno di loro ascolta e suona musica diversa, prevalentemente di stampo elettronico ma di origini disparate. Hanno trascorso gli ultimi mesi a passarsi il file via mail, salvando a ogni passaggio le modifiche, e incontrandosi settimanalmente per decidere cosa salvare e cosa noÈ stata creata una prima traccia ispirata all'idea di loop infinito, era un continuum in stile drone/ambient sul quale poter costruire dei picchi emozionali. Una volta ricevuta la bozza video, gli studenti hanno definito meglio i tempi e le atmosfere in riferimento alle immagini" ha concluso.

Camilla_Scaringi-01.tif
Camilla Scaringi
Camilla_Scaringi-02.tif
Camilla Scaringi
Camilla_Scaringi-03.tif
Camilla Scaringi
Francesca_Monzo-01.tif
Francesca Monzo
Francesca_Monzo-02.tif
Francesca Monzo
Francesca_Monzo-03.tif
Francesca Monzo
Francesco_DeBernardi-01.tif
Francesco De Bernardi
Francesco_DeBernardi-02.tif
Francesco De Bernardi
Francesco_DeBernardi-03.tif
Francesco De Bernardi
Gaia_DeMegni_01.tif
Gaia De Megni
Gaia_DeMegni_02.tif
Gaia De Megni
Gaia_DeMegni_03.tif
Gaia De Megni
Hulya_Floriana_Cobanoglu_01.tif
Hulya Floriana Cobanoglu
Hulya_Floriana_Cobanoglu_02.tif
Hulya Floriana Cobanoglu
Hulya_Floriana_Cobanoglu_03.tif
Hulya Floriana Cobanoglu
Luca_Poma-01.tif
Luca Poma
Luca_Poma-02.tif
Luca Poma
Luca_Poma-03.tif
Luca Poma
Marco_Mallia-01.tif
Marco Mallia
Marco_Mallia-02.tif
Marco Mallia
Marco_Mallia-03.tif
Marco Mallia

ZOO

Terraforma

VILLA ARCONATI, via Fametta, 1 – Castellazzo di Bollate (MI)

venerdi 23 giugno ore 23.00 - 4.00

Articoli correlati

Articoli consigliati