diary

NABA al Terraforma Festival con ZOO

by Arianna Chierici
22.06.2017
Il festival Terraforma vede in programma un'installazione audiovisiva dal titolo Zoo, realizzata dagli studenti della NABA Nuova Accademia di Belle Arti di Milano e dell'Accademia di Belle Arti G. Carrara di Bergamo sotto la direzione, rispettivamente, degli artisti/insegnanti Yuri Ancarani e Riccardo Benassi.

Situato dentro il parco di Villa Arconati,  è un weekend di musica nel verde, con architetture sostenibili in legno, labirinti di siepi e bella gente internazionale. In questo contesto si colloca l'installazione realizzata dagli studenti ispirata al concetto di terraformazione, che è anche alla base del festival Questo progetto è un lavoro corale composto da un schermo con un loop di sette video e una piramide di casse mono. A partire dalla riflessione sul tema di Terraforma, gli studenti Naba si sono introdotti all'interno di luoghi in cui animali ed essere viventi si trovano costretti a convivere. Realtà spesso inospitali che si trasformano in nuovi habitat inusuali, ambienti surreali ed estremi che risentono dell'influenza costringente dell'essere umano e del suo desiderio di "terraformazione" dell'ambiente artificiale.

 

"L'idea di diffondere il suono attraverso il DUB ci è piaciuta sin da subito," ha detto Riccardo Benassi. "Abbiamo deciso di cortocircuitarne la funzione: da un sistema di diffusione sonora nato per inscenare battaglie tra musicisti e MC lo abbiamo trasformato in un veicolo per una comunione d'intenti. Per gli studenti, infatti, la sfida è stata quella di lavorare tutti insieme ad un’unica soundtrack. Ognuno ha messo a disposizione le proprie competenze tecniche e stilistiche in favore di un risultato comune, ottimizzando sia la flessibilità del proprio ego, sia i limiti imposti dal genere musicale da cui ognuno di loro proviene," ha continuato. "Ognuno di loro ascolta e suona musica diversa, prevalentemente di stampo elettronico ma di origini disparate. Hanno trascorso gli ultimi mesi a passarsi il file via mail, salvando a ogni passaggio le modifiche, e incontrandosi settimanalmente per decidere cosa salvare e cosa noÈ stata creata una prima traccia ispirata all'idea di loop infinito, era un continuum in stile drone/ambient sul quale poter costruire dei picchi emozionali. Una volta ricevuta la bozza video, gli studenti hanno definito meglio i tempi e le atmosfere in riferimento alle immagini" ha concluso.

Camilla_Scaringi-01.tif
Camilla Scaringi
Camilla_Scaringi-02.tif
Camilla Scaringi
Camilla_Scaringi-03.tif
Camilla Scaringi
Francesca_Monzo-01.tif
Francesca Monzo
Francesca_Monzo-02.tif
Francesca Monzo
Francesca_Monzo-03.tif
Francesca Monzo
Francesco_DeBernardi-01.tif
Francesco De Bernardi
Francesco_DeBernardi-02.tif
Francesco De Bernardi
Francesco_DeBernardi-03.tif
Francesco De Bernardi
Gaia_DeMegni_01.tif
Gaia De Megni
Gaia_DeMegni_02.tif
Gaia De Megni
Gaia_DeMegni_03.tif
Gaia De Megni
Hulya_Floriana_Cobanoglu_01.tif
Hulya Floriana Cobanoglu
Hulya_Floriana_Cobanoglu_02.tif
Hulya Floriana Cobanoglu
Hulya_Floriana_Cobanoglu_03.tif
Hulya Floriana Cobanoglu
Luca_Poma-01.tif
Luca Poma
Luca_Poma-02.tif
Luca Poma
Luca_Poma-03.tif
Luca Poma
Marco_Mallia-01.tif
Marco Mallia
Marco_Mallia-02.tif
Marco Mallia
Marco_Mallia-03.tif
Marco Mallia

ZOO

Terraforma

VILLA ARCONATI, via Fametta, 1 – Castellazzo di Bollate (MI)

venerdi 23 giugno ore 23.00 - 4.00

Condividi articolo

Articoli correlati

Articoli consigliati