diary

Louis Vuitton Fashion Eye

Fashion Eye, l'occhio di fotografi di moda, contemporanei o leggendari, emergenti o storici, diventa lo strumento scelto da Louis Vuitton per presentare la tanto cara dimensione del viaggio.
Reading time 2 minutes
/

Fashion Eye, l'occhio di fotografi di moda, contemporanei o leggendari, emergenti o storici, diventa lo strumento scelto da Louis Vuitton per presentare la tanto cara dimensione del viaggio. La modalità è del tutto inedita, essendo sfruttata la correlazione forte tra moda e set geografico, che tendono ad un continuo bilanciamento reciproco, così come ad una vivace enfatizzazione vicendevole. Un occhio allenato all'esaltazione del dettaglio, che dischiude scorci e realtà attraverso una loro cristallizzazione perfetta.

Guy Bourdin, Jeanloup Sieff, Wing Shya, Kourtney Roy e Henry Clarke sono le lenti che Louis Vuitton ha scelto per realizzare il suo nuovo progetto di travel photography, intitolato Fashion Eye. Cinque libri dedicati ad una città, regione o Paese, che raccolgono centinaia di fotografie, per guidare il lettore in una realtà alternativa, fissata nella realtà comune: è una condivisione di esperienze preziose e spesso intime. Wing Shya fonde scatti del proprio archivio con lavori su commissione, creando una dimensione meta-personale di Shanghai; la raccolta di Henry Clarke ci mostra scatti dell'India, realizzati per Vogue America negli anni 60 e infine Guy Bourdin, la Miami dei glamorous 70s.

I volumi Miami, Parigi, Shanghai, California e India del progetto Fashion Eye sono disponibili da Novembre 2016 nelle boutique Louis Vuitton, nello store online ed in selezionate librerie. Nelle boutique Louis Vuitton inoltre, è disponibile un cofanetto in plexiglas che raccoglie tutti i cinque titoli in un'edizione limitata di millecinquecento copie.

Articoli correlati

Articoli consigliati