Cahier de Couture

Spiros Halaris interpreta Dolce & Gabbana Alta Moda

Illustratore, designer e art director. Nato in Grecia, ha studiato alla University of the Arts di Londra prima di trasferirsi a New York dove attualmente vive e lavora. Il suo lavoro si basa sull’utilizzo di media diversi, unendo tecniche digitali e disegno manuale ed è caratterizzato da una profonda sensibilità e senso estetico
Reading time 2 minutes
Portrait illustrato di Spiros Halaris.

Spiros Halaris interpreta per L'Officiel Italia la collezione di Alta Moda di Dolce&Gabbana, grazie al suo grande amore per l'arte e l'uso del colore perfetto rende alla perferzione gli abiti della maison.

L’O: Come si riescono ad esprimere sensazioni, gioie, turbamenti attraverso un tratto di penna?
SH: «Puoi esprimere qualsiasi emozione o sentimento con una linea. Una linea può raccontare delle storie divertenti che possono trasformarsi in qualcosa di oscuro o incerto. Una linea da sola può comunicare così tante e diverse sfumature, il tratto, il materiale utilizzato, la direzione - tutti questi sono elementi che prendono parte in un’illustrazione ed è quello che gli illustratori hanno immortalato negli anni. Le scelte che ogni illustratore compie per realizzare un’immagine, sono capaci di rendere un’immagine espressiva, raccontando una storia di gioia o dolore - oppure entrambe». 

L’O: Il potere dell’illustrazione è quello di non avere bisogno di parole o di traduzioni per veicolare un messaggio. In che modo ti ha conquistato e perché?
SH: «Una delle principali ragioni che mi ha spinto a diventare un illustratore è stata l’opportunità di esprimere la mia visione e la mia estetica in un modo puramente visivo. La sfida di dover trovare modi diversi per raccontare una storia o dare un messaggio è emozionante e affascinante. Il processo di recupero di tutti gli elementi necessari di cui hai bisogno per comporre una storia è ciò che permette all’illustrazione di distinguersi e avere “vita propria”».

L’O: Come è cambiata oggi l’estetica femminile nel disegno? E come è cambiata l’illustrazione di moda?
SH: «L’illustrazione di moda ha una propria identità, non fa più e solo parte del processo di design delle case di moda o degli atelier, ma oggi ha un audience più estesa e interessata a questo tipo di immagine. Credo che il più grande cambiamento che questo campo abbia visto sia l’introduzione della diversità e di come diversi aspetti della cultura e della moda siano oggi molto più visibili rispetto al passato».

Articoli correlati

Articoli consigliati